14.7 C
Viterbo
martedì, ottobre 26, 2021

Giubileo della Madonna Liberatrice e apertura Porta Santa

Venerdi 24 gennaio alle ore 19.00 i Padri Agostiniani insieme alla Diocesi di Viterbo presenteranno il programma per l’inizio del Giubileo della Madonna Liberatrice che prevede l’apertura della Porta Santa il 2 febbraio prossimo.

 

Madonna Liberatrice, divenne, nella Chiesa della Trinità, il punto centrale della devozione mariana in seguito al miracolo operato nella notte del lunedì di Pentecoste del 1320 quando, come racconta Feliciano Bussi nella sua Istoria di Viterbo, …ingombrarono ad un tratto la Città nuvole sì tenebrose, udironsi tuoni sì formidabili, caddero fulmini sì frequenti, soffiarono venti così gogliardi, scesero pioggie sì vaste ed impetuose, crollarono la terra tremuoti così terribili, e si sentivano per l’aria gridi, e stridori sì spaventevoli che facevano credere evidente il subissamento della Città … Nel tempo stesso scorrevano per l’aria copiosissime schiere di Demoni sotto forma chi di corvi, chi di nottole e chi di aquile molto grandi e spaventose, che incessantemente gridavano: L’inferno vi aspetta … i Viterbesi … si raccomandavano con immense lacrime a Maria Vergine loro avvocata. Ma i Demoni al contrario con molto maggior rigoglio li minacciavano con tali parole: invocate pure la Vergine quanto vi piace, Ella è sorda alle vostre suppliche, e noi siamo qui per vostra rovina. Essi però più ardentemente implorando il patrocinio di Maria, poterono far sì, che la medesima finalmente mossa a pietà, aprisse i suoi misericordiosi occhi sopra la comune sciagura, apparendo nell’aria tutta cinta di splendori a moltissime persone di ogni ordine, alle quali così favellò: Andate alla Chiesa della Santissima Trinità, ed ivi ritrovarete alla sinistra della cappella di S. Anna una immagine, che è il mio ritratto, e avanti a quello supplichevolmente invocatemi. Queste dolci parole uditesi dal Popolo corsero alla prenominata Chiesa della Trinità de’ Padri Agostiniani ed avendo con loro stupore ravvisata in quella figura la copia al naturale di quella, che loro avea parlato fra ‘suoi splendori ecco che i tuoni e le pioggie ed i crollamenti della terra all’improvviso cessati, videsi comparire una chiarissima stella dalla quale uscì la voce di Maria, che così comandò a quelle squadre di Demoni: ritornatevene, o legioni Infernali, al vostro oscurissimo regno; il che sentendo que ‘brutti spiriti a vista di tutto il Popolo si precipitarono in quel tal picciolo lago perpetuamente ardente, che chiamasi il Bullicame…

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

24 Gen 2020

Ora

19:00

Luogo

Viterbo
Viterbo
Categoria