11.4 C
Viterbo
domenica, maggio 31, 2020

Georges Rouault pittore e incisore francese, 149 anni dalla nascita

Georges Rouault (Parigi, 27 Maggio 1871 – Parigi, 13 Febbraio 1958) è stato un pittore e incisore francese.

Georges Rouault nacque in una famiglia di umili origini (il padre ebanista), in cui il nonno materno gli trasmise l’amore per l’arte. Pittore vicino al gruppo dell’avanguardia francese dei “fauves”, Rouault si mantiene però isolato e venne considerato il maggior pittore d’arte sacra di epoca moderna.
Dal 1885 al 1890 fu apprendista presso Hirsh, un pittore e restauratore di vetrate antiche e questo apprendistato non mancò di far sentire in seguito la sua influenza; contemporaneamente seguì i corsi serali all’Ecole des Arts Décoratifs, ma è insofferente all’orientamento classicista che ne caratterizza l’insegnamento.

 

Tra le sue opere più serene si ricordano Il vecchio re (1936, Carnegie Institute, Pittsburgh, Pennsylvania) e Tiberiade (1947 ca., Ca’ Pesaro, Venezia).

Negli ultimi anni della sua vita Rouault partecipò al rinnovamento dell’arte cristiana promosso da padre Couturier, realizzando vetrate per la chiesa di Assy (1945) – progetto al quale contribuirono anche Fernand Léger,Georges Braque e Marc Chagall -, bozzetti in smalto per l’abbazia di Ligugé (1949) e cartoni per arazzi destinati alla cappella di Hem (1957).
Nel 1953 il medico Maurice Girardin lascia alla città di Parigi la sua ampia collezione di opere di Bernard Buffet, di Marcel Gromaire e di Georges Rouault, tra gli altri, di cui fu amico personale, mentre nel 1963, cinque anni dopo la scomparsa dell’artista, i suoi eredi offrono allo Stato francese 916 opere, alcune anche incompiute, che il Musée National d’Art Moderne (MNAM) espose nella grande retrospettiva parigina del 1971, per celebrare il centenario della sua nascita. Tra le mostre più recenti ricordiamo l’antologica tenuta nel 1992 al Centre Pompidou, dedicata agli anni compresi tra il 1903 e il 1920.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

27 Mag 2020

Ora

Tutti del giorno
Categoria