25.6 C
Viterbo
martedì, luglio 23, 2019

Fascinazione etrusca Viaggiatori, artisti, archeologi, letterati

Appuntamento domenica 14 aprile alle ore 17.00 al Caffè letterario di Colle Diana a Sutri.

“Con questo incontro dicono gli organizzatori- torniamo ai libri e lo facciamo con un importante contributo alla conoscenza dell’Etruria con Fascinazione Etrusca di Annulli Editori”. Il libro raccoglie gli atti dell’omonimo convegno svoltosi tra Capranica e Vetralla il 26 e 27 maggio del 2017, dedicato ai viaggiatori, agli studiosi e agli amanti dell’Etruria. Ventidue relazioni per ventuno autori, i quali hanno studiato e raccontato l’Etruria dal punto di vista di chi l’ha attraversata nel corso dei secoli, toccando gli argomenti e le materie più varie quali l’archeologia e l’etruscologia, la storia dell’arte, i costumi e le tradizioni popolari, l’architettura, i viaggi a piedi, etc. all’incontro parteciperanno:

Giancarlo Breccola che parlerà dei viaggiatori che visitarono Montefiascone, centro nevralgico lungo la via Francigena, in particolare all’epoca del Grand Tour. Elisabetta Gnignera tratterà dell’abito dei pellegrini lungo la via Francigena partendo da uno studio particolareggiato dell’affresco di santa Maria del Parto a Sutri;
Carlo Maria D’Orazi parlerà del soggiorno di Francesco Petrarca a Capranica nel 1337 nel castello degli Anguillara. La gran parte dei saggi è dedicata a personaggi che visitarono questo territorio tra Seicento e Ottocento, con un «preludio» medievale e rinascimentale dedicato ai pellegrini che percorsero la via Francigena e un «finale» nel Novecento in compagnia di David Herbert Lawrence e di un inedito Sigmund Freud.
Fra i personaggi rilevanti e caratterizzanti, di nazionalità e professioni diverse, possiamo nominare James Byres, George Dennis, Samuel Ainsley, Elizabeth Hamilton Gray, William Turner, Camille Corot, Lodovico I della Baviera, Luigi Canina, Francesco Orioli, Auguste Lenoir, Henry Labrouste; e ancora Fragonard, Goethe, Stendhal, Lawrence, Freud, e poi i viaggiatori francesi, polacchi, russi, giapponesi e tanti altri.
Ne viene fuori un racconto corale dell’Etruria: un racconto a più dimensioni, spaziali e temporali, in grado di restituire al lettore il fascino che la terra degli Etruschi ha esercitato sui popoli, i religiosi e le elites intellettuali della vecchia Europa. L’ingresso è aperto a tutti.

COMMENTA SU FACEBOOK

Data

14 Apr 2019

Ora

17:00

Luogo

Sutri
Categoria