Domenico Merlani eletto nuovo presidente di Ance Lazio

L’Assemblea di Ance Lazio, l’unione regionale dei costruttori edili, ha eletto il suo nuovo presidente Domenico Merlani di Viterbo. Succede a Stefano Petrucci che ha concluso il suo mandato.

Esprimo profonda soddisfazione – ha dichiarato il neo presidente di Ance Lazio – per questo importante incarico che mi viene affidato dai colleghi costruttori di Roma e del Lazio. Sappiamo tutti che stiamo vivendo un periodo delicato per il nostro Paese e che in particolare il settore delle costruzioni da tempo arranca con le evidenti conseguenze in termini di fatturato e occupazione. Tuttavia è proprio in questi momenti che si rivela nevralgico e decisivo il nostro ruolo di rappresentanza delle imprese aderenti e di interlocuzione con gli organi istituzionali. Mi riferisco in particolare alla Regione Lazio, che è un punto di riferimento imprescindibile sia per l’edilizia privata che per le opere pubbliche, così come per la semplificazione amministrativa In tal senso ritengo che l’impegno da mettere in campo sarà rilevante e che dovrà essere attento a cogliere le diverse esigenze: dalla complessità del comparto costruzioni della Capitale alle realtà specifiche delle diverse province. Ma non mi spaventa perché so di poter contare su un’ottima squadra, a partire dai due vice presidente eletti dall’Assemblea che mi affiancheranno – Benedetta Bonifati di Roma e Davide Palazzo di Latina – figure autorevoli e preparate con le quali c’è la massima sintoniaColgo l’occasione per ringraziare l’amico Stefano Petrucci per il grande lavoro svolto con competenza e passione durante il suo mandato. Un lavoro prezioso che ha rafforzato ed esteso l’azione dell’Ance nella nostra regione e a cui daremo continuità”.

Domenico Merlani, 53 anni, papà di 3 figli, è titolare della Merlani Costruzioni SpA e presidente della Camera di Commercio di Viterbo. Già presidente di Ance Viterbo e vicepresidente di Unindustria del Lazio.

 

Nella foto:
a sinistra Stefano Petrucci, a destra Domenico Merlani

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI