Corso “Human Factor” all’ Istituto Tecnico “Da Vinci”

Si sta svolgendo presso l’ Istituto Tecnico Tecnologico “L. Da Vinci” il primo corso di “Human Factor” per gli studenti dell’ indirizzo Costruzioni Aeronautiche. L’ iniziativa s’inquadra nell’ ambito della Certificazione EASA LMA Part.66, per l’ ottenimento dei crediti per raggiungere la certificazione di Licenza di Manutentore Aeronautico. Come noto, infatti, il Da Vinci di Viterbo è l’ unica scuola pubblica italiana che rilascia la certificazione per tutti i tredici moduli della Categoria B1.2 “Velivoli con Motori a Pistoni”.
Un’ opportunità per gli studenti del corso COA, che altrimenti per ottenere lo stesso risultato si dovrebbero rivolgere alle scuole aeronautiche private italiane, con un esborso economico di oltre 15.000 € e un successivo periodo di studi di due anni dopo il diploma.
L’ obiettivo del corso, è anche quello di sottolineare come il comportamento umano è influenzato dall’ ambiente, dalle emozioni e dalle capacità cognitive e sociali in cui si opera. Un argomento oggi all’ ordine del giorno, che, di fatto, supera, gli apsetti tecnici e tecnologici.
L’ iniziativa, a cui hanno aderito oltre 20 alunni, è tenuto da un docente di tutto rispetto, il Generale di Divisione Aerea Carlo Landi, uno dei massimi esperti di Sicurezza Aerea, che ha ricoperto numerosi incarichi in ambito aeronautico, e oggi Coordinatore del Progetto “Volare Sicuri” nonche vice-presidente Unione Giornalisti Aerospaziali Italiani (Ugai). Alla realizzazione del corso ha partecipato anche la sez. ANAE “Muscarà” di Viterbo, occupandosi attivamente della realizzazione della dispensa didattica e di altri aspetti logistici; come noto infatti l’ Ass. ANAE supporta, oramai da diverso tempo, le attività extracurricolari della scuola.
I prossimi passi a cui la scuola si sta orientando, sono il riconoscimento di Scuola Certificata EASA 147, l’ampliamento anche alla categoria B1.1 “Velivoli con motori a Turbina” e l’avvio di una scuola di volo per l’ ottenimento di Brevetto da Pilota.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI