Confguide, visite guidate stop fino al 3 aprile, gravissime ripercussioni sulla attività lavorativa

Le guide e gli accompagnatori turistici, in quanto soggetti che operano nella filiera turistica, stanno subendo gravissime ripercussioni sulla loro attività lavorativa: la cancellazione pressoché totale dei servizi di visita guidata già messi in calendario per tutta la stagione primaverile, che peserà su circa il 50% del loro reddito annuale. Le guide e gli accompagnatori turistici per primi subiscono gli effetti negativi derivanti dalle misure restrittive, peraltro prioritarie, sulle visite guidate e sui viaggi d’istruzione, dalla chiusura e dal contingentamento degli ingressi nei musei e, di fatto, dall’annullamento dei viaggi in Italia da parte dei turisti stranieri.  “Oltre all’immediata cancellazione totale di visite, tour guidati e viaggi d’istruzione, rischiamo che il fermo delle nostre attività si protragga oltre l’estate” – dichiara Paola Migliosi, Presidente di Confguide, la Federazione nazionale delle guide turistiche aderente a Confcommercio Professioni.“In questo modo veniamo messi in ginocchio. Le guide e gli accompagnatori turistici che non lavorano e non lavoreranno in tutto il territorio nazionale devono essere considerati tra i destinatari di misure eccezionali di sostegno economico. “Il particolare momento scrive Anna Rita Properzi guida turistica e ambientale escursionistica abilitata, consigliera di Confguide ci chiede di fermarci, di fare una pausa sulle nostre attività.Rispettando le disposizioni ministeriali, utilizziamo positivamente questo periodo per approfondire dei temi che ci hanno emozionato nel corso delle nostre visite: un racconto, un luogo che ci è rimasto impresso, oppure un luogo speciale che vorreste visitare nella Tuscia e che non siete mai riusciti a vedere!
Speriamo che presto grazie all’impegno responsabile di tutti l’attuale  situazione epidemiologica migliori di giorno in giornii potendo così riprendere le attività allo scadere  dell’of limits stabiliti dal Decreto Governativo”.

 

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI