Chiuso il quarto ciclo di collaborazione tra Scuole e Unitus

Con la consegna degli attestati di frequenza, si è chiuso il quarto anno di attività del Polo di Viterbo, organizzato dall’Accademia Nazionale dei Lincei, in collaborazione con l’Università degli studi della Tuscia e la Fondazione Carivit e il coordinamento dei professori Enrico Porceddu, per l’Accademia, e Felice Grandinetti, per l’Università.
Le attività si sono svolte in un arco di tre mesi, da Novembre a Gennaio, per lasciare il tempo agli insegnanti di trasferire in classe quanto elaborato durante gli incontri.
Molti i temi affrontati per la letteratura: da Pirandello a Moravia, fino a Pasolini e Elsa Morante.
Non e’mancata la poesia, dai versi di Guido Gozzano a Montale, fino a Vincenzo Cardarelli, poeta delle stagioni.
Gli approfondimenti dei temi sono stati guidati dai professori Riccardo Gualdo, Luca Lorenzetti, Stefano Telve, Paolo Marini, Paolo Procaccioli, tutti dell’Università della Tuscia e sono stati frequentati da 80 insegnanti.
Per quanto riguarda la matematica, i temi affrontati sono stati la “Logica dei problemi aritmetici e geometrici” dedicati agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado, e “Dalla geometria elementare ai grafi e alla topologia” per gli insegnanti della scuola secondaria di secondo grado. Gli approfondimenti dei temi sono stati guidati dai professori Ciro Ciliberto, Andrea Bruno e Benedetto Scoppola, delle Università di Roma e sono stati frequentati da 39 insegnanti.
Gli incontri di scienze hanno invece riguardato i Biopolimeri e loro potenzialità applicative. L’analisi dei temi è stata presentata dai professori Anna Maria Fausto, Raffaele Saladino, Maurizio Petruccioli dell’Università della Tuscia e Anna Rosa Sprocati dell’ENEA.
A questi sono seguito due incontri interdisciplinari, il primo tenuto dal professor Prof. Enrico Alleva, Direttore del Reparto di Neuroscienze comportamentali del Dipartimento di Biologia Cellulare e Neuroscienze dell’Istituto superiore di sanità e socio dell’Accademia dei Lincei, sul tema “Il fattore di crescita nervosa: plasticità e regolazione del comportamento sociale ed il secondo su “Microbiologia e opere d’arte”, tenuto dalla dottoressa Sprocati dell’ENEA.
A queste attività hanno fatto seguito incontri di gruppo, tenutisi presso le diverse sedi scolastiche, durante i quali gli insegnanti sono stati impegnati ad elaborare modalità di presentazione dei diversi argomenti agli studenti delle diverse scuole di Viterbo e provincia, elaborati in modo diversi per adattarli all’età e agli interessi di studio degli studenti. Nei giorni 16, 17, e 18 aprile gli insegnanti hanno presentato i loro elaborati sul modo con cui gli argomenti sono stati presentati in classe e le reazioni da parte degli studenti.
Alle attività del polo di Viterbo si erano iscritti 144 insegnati, 114 dei quali hanno ottenuto l’attestato di frequenza avendo preso parte ad almeno 75% delle attività
Gli studenti di istituti scolastici di Bagnoregio Bassano romano, Capranica, Caprarola, Civita Castellana, Farnese, Grotte di Castro, Grotte Santo Stefano, Ronciglione, Tarquinia, Tuscania Valentano, Vetralla e, ovviamente, Viterbo hanno avuto la possibilità di avvicinare alcuni degli argomenti di studio in modo inusuale e assolutamente originale, non presente nei libri di testo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI