Cavalieri del Soccorso, il progetto per una casa per i famigliari dei pazienti ricoverati a Belcolle

Alla conferenza stampa tenutasi il 18 mattina al cineLux di viale Trento sono intervenuti Enrico Gabellini, medico responsabile dei Cavalieri, Dalila Corsini, psicologa dell’associazione, Riccardo Sonnino, ex direttore generale Ares 118 di Roma, e Giorgio Nicolanti, primario di ginecologia di Belcolle.Una struttura che nasce per ospitare gratuitamente i familiari dei pazienti ricoverati all’ospedale di Belcolle provenienti da fuori Viterbo. Per aiutarli a stare accanto ai loro cari senza dover fare avanti e indietro tutti i giorni.
Assieme a loro i volontari dei Cavalieri del Soccorso, “fondamentali, decisivi”, ha aggiunto Corsini. Impegnati, in soli 6 anni di attività, l’associazione nasce nel 2011, su più fronti. Il terreno comunale individuato alla Grotticella “Al pian terreno – spiega Corsini – andranno gli ambulatori. Al primo piano le stanze per l’accoglienza, sei in tutto, l’infermiera e gli uffici di direzione. Complessivamente oltre 600 metri quadrati”.
Serve un milione di euro

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI