Camilleri ad alta voce: bilancio positivo e fine nobile

Antonello Ricci e Pietro Benedetti hanno raccontato ad alta voce il romanzo La rizzagliata di Andrea Camilleri nell’ultimo incontro di giovedì 24 scorso reso possibile grazie alla Unione Italiana Ciechi di Viterbo e alla sensibilità del Commissario della Biblioteca Consorziale Paolo Pelliccia.
Un nutrito e attento pubblico nei locali ospitanti della Biblioteca multietnica, multicolore, multiculturale di viale Trento si è riunito nel terzo ultimo appuntamento organizzato per favorire l’integrazione dei non vedenti. Il “Commissario Montalbano” ama ripetere una frase: “Ho paura del buio come i bambini” ed è al fianco dell’Unione Italiana Ciechi a cui ha donato 50mila suoi libri, di cui la sezione viterbese dell’associazione ha ricevuto mille testi.

Foto di Luciano Pasquini

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI