Esercito: addestramenti per marescialli con specializzazione Sanità

Settimana intensa per i marescialli a nomina diretta con specializzazione Sanità impegnati in un ciclo di attività addestrative organizzate dalla scuola sottufficiali dell’Esercito nell’area della “Botte” a Vetralla.

Il programma, finalizzato all’acquisizione delle procedure tecnico tattiche di base, prevede una serie di moduli dedicati all’addestramento individuale al combattimento (mascheramento individuale, formazioni e tecniche di movimento, segnali convenzionali, comunicazioni e procedure radio), all’orienteering e alla topografia (orientamento della carta topografica, determinazione del punto stazione, distanza topografica tra due punti, attivazione di un punto di osservazione, compilazione di una “range card”, applicazione della regola del sito, procedure per la navigazione notturna in ambiente boscoso con attivazione del bivacco, attraversamento di un punto pericoloso e recupero di personale ferito).

Tale attività si inquadra nell’ambito di uno specifico corso applicativo il cui iter formativo si articola in due fasi e un tirocinio pratico.

La 1a fase, al via il 2 ottobre dello scorso anno all’istituto di formazione militare viterbese, suddivisa in un modulo “formazione del combattente”, finalizzato a conseguire le capacità tecnico-professionali essenziali per la condotta di attività militari ai minori livelli, e in un modulo “formazione del leader”, diretto a conferire le caratteristiche del Leader per poter operare in contesti e situazioni particolari che richiedono elevata professionalità e consapevole responsabilità, si concluderà nella prima decade del mese di febbraio.

La seconda fase e il tirocinio pratico saranno svolti alla scuola di Sanità e Veterinaria, polo di qualificazione e di specializzazione per tutto il personale dell’Esercito, a Roma Cecchignola.

Scuola Sottufficiali dell’Esercito

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI