4 novembre, giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Le celebrazioni nella Tuscia

L’Italia si appresta a celebrare il 4 novembre, festività laica ma non per questo meno importante e sentita. Si festeggiano infatti sia il Giorno dell’Unità Nazionale che la Giornata delle Forze Armate, istituita nel 1919 per commemorare la vittoria italiana nella Grande Guerra. In quel giorno infatti venne stipulato l’armistizio di Villa Giusti tra le nostre truppe e quelle dell’impero austroungarico, armistizio che pose fine alla Prima Guerra Mondiale e vide il ritorno di Trento e Trieste in seno all’Italia. Il quattro novembre è l’unica festa nazionale che fu celebrata prima, durante e dopo l’era fascista; dal 1976, con la riforma del calendario, non è più considerata giorno festivo. Moltissime iniziative sono previste sabato 4 novembre in tutto il territorio nazionale, a partire dalla celebrazione principale di Roma, dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal Ministro della Difesa Roberta Pinotti, renderà omaggio al Milite Ignoto presso l’Altare della Patria, a simboleggiare la gratitudine di tutto il popolo italiano nei confronti delle migliaia di caduti. Al tradizionale corteo parteciperà un numero ingente di mezzi e di militari di tutte le Forze Armate. Confermato l’attesissimo e scenografico sorvolo delle Frecce Tricolori, che coloreranno il cielo con le scie bianche, rosse e verdi. In tutti i comuni italiani in cui verranno omaggiati i nostri Caduti, le autorità esortano la cittadinanza a partecipare alle commemorazioni, e soprattutto a esporre la bandiera tricolore alle finestre e ai balconi. Una bandiera che non rappresenta soltanto vittorie sportive, ma anche e soprattutto la storia di una nazione che troppo spesso ha pagato forti tributi di sangue per l’ottenimento della pace e della democrazia attuali.
Anche nella Tuscia, nella giornata del 4 novembre, sono previste celebrazioni, a cominciare dal capoluogo Viterbo, dove alle ore 10.00 si schiererà il picchetto d’onore davanti al Sacrario di piazza dei Caduti. Le massime autorità cittadine renderanno omaggio ai gonfaloni nella cerimonia militare che vedrà l’alzabandiera e la deposizione della corona d’alloro.
Calendario ricco di avvenimenti a Montalto di Castro e Pescia Romana, dove la cerimonia è anticipata a venerdì 3 novembre, alla presenza di rappresentanti civili e militari e con la partecipazione di associazioni di volontariato, combattentistiche e d’arma. Fortemente voluto anche il coinvolgimento attivo degli studenti locali, che hanno realizzato elaborati a tema. Appuntamento alle ore 9.00, in piazza della Resistenza a Pescia Romana, per il saluto delle autorità e la deposizione della corona, con la presentazione degli elaborati degli studenti. A Montalto di Castro, alle ore 10.00, è previsto il raduno dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo Statale di Montalto, delle associazioni, delle forze armate e dei cittadini. A seguire, intervento delle autorità e la partenza del corteo, con arrivo a piazza Matteotti, accompagnato dalla “Tardioli Dixie Band”. Infine, alle ore 11.00 deposizione della corona d’alloro al Monumento ai Caduti e nuova presentazione degli elaborati degli studenti.
A Fabrica di Roma, l’amministrazione comunale, unitamente alle associazioni d’Arma e di ex combattenti, invita la cittadinanza a partecipare alla solenne commemorazione, che culminerà alle ore 11 del 4 novembre con la deposizione della corona d’alloro al Monumento ai Caduti di tutte le guerre presso il Parco della Rimembranza, in via della Repubblica.
A Graffignano la cerimonia partirà alle ore 10 di sabato 4, da piazza del Comune; a Sipicciano, dalle ore 11 con partenza da piazza Umberto I.
Ronciglione rimanda la celebrazione a domenica 5 novembre: appuntamento in piazza Principe di Napoli, dove si incontreranno le autorità, i rappresentanti militari e delle associazioni. Subito dopo partirà il corteo, accompagnato dalla banda “Alceo Cantiani”, che si dirigerà in piazza Principe di Piemonte per la deposizione della corona d’alloro al Monumento ai Caduti.

COMMENTA SU FACEBOOK

CONDIVIDI