Volontariato. Pronto soccorso Belcolle, associazioni a supporto

Nell’ambito del Festival del Volontariato in corso a Viterbo al Palazzo del Tribunale, è stato siglato un protocollo, già operativo dal 15 aprile scorso, tra la Asl e l’Arvas, i Cavalieri del soccorso, la Croce rossa italiana e l’Unitalsi.Il gruppo di volontari rimane in servizio ogni giorno della settimana, dalle 8 alle 20
L’obiettivo è incrementare il livello di qualità dei servizi di accoglienza e di orientamento al Pronto soccorso e breve osservazione del Complesso ospedaliero di Belcolle.
Lo scorso 7 di aprile la Asl di Viterbo ha siglato un protocollo di intesa con quattro associazioni che, insieme ad altre espressioni del volontariato locale, fanno parte integrante del tavolo permanente “Partecipare in sanità”.
Protagoniste del protocollo, sono, in ordine rigorosamente alfabetico, l’Arvas Viterbo, i Cavalieri del Soccorso “Città di Viterbo”, la Croce rossa italiana sezione di Viterbo e l’Unitalsi sottosezione di Viterbo. Grazie alla disponibilità di queste associazioni, al termine di una serie di incontri informativi, è stato creato un gruppo di volontari che ogni giorno, sabato e domenica compresi, dalle ore 8 alle ore 20 affianca e supporta il personale sanitario del Pronto soccorso viterbese, garantendo la presenza di 4 persone per ogni turno di servizio, grazie a una programmazione mensile concordata con il coordinatore infermieristico dell’unità operativa. Le attività che i volontari svolgono quotidianamente sono legate all’umanizzazione dell’assistenza e vanno dalla compagnia e dal conforto dei degenti alla facilitazione dell’orientamento degli stessi e dei loro accompagnatori.
I volontari supportano anche tutti quei pazienti che si presentano in ospedale senza familiari e che hanno bisogno di un aiuto concreto per le loro esigenze primarie.
“Mai come in questo caso – commenta il commissario straordinario della Asl di Viterbo, Luigi Macchitella -, prima di ogni altra cosa, occorre esordire con un grazie sincero alle quattro associazioni che si sono rese protagoniste di questo protocollo di intesa. Entrare in Pronto soccorso da volontariato non è cosa semplice. Stiamo parlando di un luogo dove le dinamiche e i ritmi cambiano repentinamente e sono determinati dalle emergenze e dalle urgenze. In questi casi occorre sapere cosa si deve fare e come ci si deve comportare. I primi quindici giorni di operatività dell’accordo hanno prodotto di risultati entusiasmanti, considerando il grado di apprezzamento manifestato sia dai degenti e dai loro accompagnatori, sia dagli stessi operatori del Pronto soccorso e della breve osservazione che trovano nei volontari un sostegno significativo, spesso determinante, nel processo di comunicazione con i parenti che attendono di avere informazione rispetto allo stato di salute dei loro cari”. In diverse occasioni, nel corso di queste prime settimane di applicazione del protocollo, le associazioni si sono travate a collaborare condividendo lo stesso turno.
“Questo sta a significare – conclude Macchitella – che il progetto legato al Pronto soccorso e, più in generale, la costituzione nel maggio 2014 del tavolo permanente del volontariato, stanno contribuendo a far maturare quella cultura del fare rete, tra le associazioni e tra le stesse e la Asl, quale strumento determinante per produrre risultati concreti e per fornire delle risposte efficaci alle istanze che provengono dai cittadini assistiti della nostra provincia”.
Il protocollo di intesa è stato presentato nel corso della conferenza oggi 6 maggio alla quale sono intervenuti per la Asl di Viterbo il direttore amministrativo Daniela Donetti, il direttore del Dipartimento di emergenza e accettazione Alberico Paoletti e il direttore del Pronto soccorso Paolo Brama. Per le associazioni di volontariato hanno partecipato Ida Margottini e Giuseppe Rossetti (Arvas), Enrico Corsini ed Enrico Gabellini (Cavalieri del Soccorso), Maria Teresa Gasbarri e Stefania Marini (Croce rossa italiana) e Roberto Grazini (Unitalsi).

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI