“Viterbo capitale medievale”:si può aderire alla rete d’Impresa

“Partiti i lavori per la costituzione della rete d’impresa ‘Viterbo capitale medievale’, il progetto finanziato dalla Regione Lazio per promuovere e valorizzare il mondo del commercio del centro storico viterbese. Da oggi i commercianti possono sottoscrivere la propria adesione al contratto di rete”. A dichiararlo è la rete d’impresa “Viterbo capitale medievale”.

“La rete – spiegano la manager di rete Giorgia Di Fusco e la segretaria provinciale della Cna Viterbo e Civitavecchia Luigia Melaragni – svolgerà anche un ruolo di rappresentanza e sarà interlocutore del Comune di Viterbo per quanto riguarda le politiche di valorizzazione del commercio nel centro storico. E in tal senso verrà firmato un apposito protocollo con l’amministrazione comunale”.

L’adesione va fatta presso lo studio del notaio Fabrizio Fortini in via Garbini 51 a Viterbo a partire da oggi, dalle ore 19 alle 23. Gli altri giorni sono: sabato 14 ottobre dalle ore 10 alle ore 19, mercoledì 18 ottobre dalle ore 13 alle ore16, e giovedì 19 ottobre dalle ore 20 alle ore 23.

Gli imprenditori, in fase di progettazione, si sono avvalsi delle competenze di Cna Viterbo-Civitavecchia e Archeoares. I promotori sono stati in grado di coinvolgere circa 150 aziende del centro storico di Viterbo.

Un lavoro realizzato grazie alla sinergia con le associazioni “Facciamo centro” e “Centro di gravità”, con l’impegno dei rispettivi presidenti, Gaetano Labellarte e Fabrizio Fortini.

“La rete dovrà essere costituita entro il 13 novembre – proseguono Di Fusco e Melaragni – mentre il progetto di valorizzazione dovrà essere concluso entro la metà di giugno del prossimo anno. Abbiamo chiarito e dato a tutti i commercianti il contratto di rete da sottoscrivere e descritto il rapporto che la rete avrà con le istituzioni a partire dal comune di Viterbo. La rete, una volta costituita ufficialmente, potrà svolgere anche altre attività e partecipare ai bandi pubblici. A partire da oggi – concludono Giorgia Di Fusco e Luigia Melaragni – possono firmare le attività commerciali che hanno dato già la propria adesione al progetto di rete. Successivamente potranno aderire anche altri commercianti purché la loro attività si trovi all’interno delle mura cittadine”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI