Viterbese il sogno play-off continua: battuto il Poggibonsi 2-0

VITERBESE (4-3-3): Zonfrilli, Perocchi, Pacciardi, Scardala, Dalmazzi, Nuvoli, Oggiano (dal 60° Faenzi), Giannone, Saraniti, Neglia (dal 89° Pero Nullo), Assenzio (dal 36° Morini). In panchina: Fadda, Tuniz, Varricchio, Costalunga, Faenzi, Pero Nullo, Morini, Fanasca, Pippi. Allenatore: Attilio Gregori.
POGGIBONSI (4-4-2): Pacini, Tafi, Tiritiello, Galbiati, De Vitis, Colombini, Rosseti, Ghelardoni (dal 55° Valenti), Foderaro, Caciagli, Ceccatelli (dal 66° Ticci). In panchina: Gasparri, Ticci, Ciolli, Bencini, Valenti, Picone, Marciano, Casucci, Bandini. Allenatore: Massimo Fusci.
Colori squadra: giallorosso.
ARBITRO: Ilario Guida di Salerno.
RETI: Giannone (43° rig), Pero Nullo (93°)
Il derby dei leoni disputato domenica pomeriggio allo stadio Rocchi tra Viterbese e Poggibonsi non ha deluso le aspettative degli oltre mille tifosi, intervenuti ad assistere agli ottavi di finale dei play-off del campionato di serie D, tra cui spicca la presenza del sindaco Michelini, a dimostrazione della vicinanza della città alla squadra, così come richiesto ripetutamente da patron Camilli. Un dato certo: Mister Gregori aveva chiesto una prestazione più autorevole rispetto a quella della settimana scorsa contro l’Olbia e così è stato. La Viterbese scende in campo con il piede di guerra e nei primi minuti di gioco costruisce un paio di occasioni in zona offensiva, sfruttando bene gli inserimenti sulle fasce. Il Poggibonsi non sta a guardare e prova a puntare la porta protetta da Zonfrilli, ma la difesa gialloblù controlla con attenzione e non si lascia sorprendere dalle giocate degli avversari. Al 14° i padroni di casa sfiorano il goal con Saraniti che tenta di correggere in rete un calcio di punizione di Giannone, ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Dopo appena dieci minuti, il Poggibonsi recupera un pallone e parte in contropiede, costringendo Scardala a commettere fallo sull’ultimo uomo e a rimediare un cartellino giallo. Speculare l’azione registrata al 28° ma su fronte opposto, con Ghelardoni che ferma irregolarmente Saraniti e viene ammonito. Al 36° Assenzio lamenta qualche acciacco fisico e viene sostituito da Morini, la Viterbese cambia modulo tattico, passando al 4-4-2 con l’intento di rendersi più pericolosa in attacco. E’ il segno che mister Gregori vuole a tutti i costi vincere questa partita. E l’occasione per sbloccare il risultato arriva al 42°, quando De Vitis trattiene irregolarmente in area Saraniti, che procura il calcio di rigore e l’espulsione del giocatore giallorosso. Il penalty viene calciato da Giannone, che con freddezza trasforma in rete il goal dell’1-0, risultato con cui si chiude il primo tempo. Alla ripresa il ritmo di gioco cresce notevolmente con la Viterbese intenta a controllare il punteggio e il Poggibonsi sbilanciato in avanti per acciuffare a tutti i costi il pareggio. Al 55° tra le fila giallorosse viene effettuato un cambio: fuori Ghelardoni e dentro Valenti. Il giovane attaccante toscano macina gioco e all’77° si ritrova sui piedi una palla-goal, che però si spegne sul fondo del campo. Da segnalare all’82° l’espulsione di mister Gregori per proteste e all’89° viene effettuato un cambio decisivo per i gialloblù: esce Neglia ed entra Pero Nullo, che al 93° sigla il 2 a 0 e trascina la Viterbese ai quarti di finale dei play-off, che si terranno domenica 7 giugno o contro la Correggese o contro Taranto. Il sogno della finale del 14 giugno è sempre più vicino.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI