Visita guidata a Orte Sotterranea un tesoro unico ben custodito

Duecentocinquanta incredibili metri di cunicoli visitabili attendono i visitatori proprio ai piedi della scalinata della Cattedrale di Orte. Una rampa di scale condurrà alla Fontana Ipogea, punto terminale dell’antico acquedotto ed oggi, viceversa, punto d’ingresso per il visitatore. Da qui inizia il viaggio domenica 23 aprile con la sapiente guida di Archeotuscia nei cunicoli della Orte sotterranea con le loro sorprese che sarebbe troppo lungo descrivere nel dettaglio:Orte sotterranea con il suo acquedotto etrusco, le colombaie rupestri, il pozzo di neve è un tesoro unico e, per fortuna, amorosamente custodito. L’Acquedotto Etrusco di Orte rende la visita un’opportunità da non perdere, non solo l’eccezionalità del “manufatto” in se ma per la sua capacità di rendere immediatamente evidenti funzioni ed evoluzioni dell’opera idraulica in un lunghissimo intervallo di quasi venticinque secoli. Nel suo percorso si alternano infatti condotti etruschi, cisterne romane, medievali e rinascimentali, ambienti destinati all’immagazzinamento del grano ed alla pigiatura dell’uva. Il tutto connesso con quelle che sono oggi le cantine di osterie o di abitazioni private. Una città sotterranea, insomma, che la dimensione raccolta rende immediatamente comprensibile e godibile.Appuntamento alle ore 8.45 dal parcheggio di Valle Faul di Viterbo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI