Villa Immacolata: inaugurati dal vescovo Fumagalli bar e mensa

Sono stati inaugurati venerdì 20 luglio mattina dal vescovo di Viterbo, Lino Fumagalli, i nuovi punti ristoro che Vivenda, società del Gruppo La Cascina, gestirà all’interno di Villa Immacolata. Sita in località San Martino al Cimino, la casa di cura dei Camilliani dispone ora di bar e sala mensa per offrire agli oltre 400 dipendenti, ai degenti e ai loro familiari servizi di ristorazione a cinque stelle.

Gli ambienti sono accoglienti, confortevoli, estremamente luminosi e moderni, perfettamente in linea con le ultime tendenze di interior design. Eleganza e finezza negli arredi sono evidenziati dal salottino ricavato a uno degli angoli del bar: qui l’ospite potrà concedersi una pausa sorseggiando una bevanda o degustando una pietanza mentre naviga su internet. Questa sala è stata, infatti, dotata di Wi-Fi. All’altra estremità è stato invece allestito uno spazio per la vendita di prodotti alla persona come lamette per la barba, succhi di frutta o biscotti.

Ale spalle del bar, aperto tutti i giorni della settimana dalle 7.30 alle 18, si trova la sala mensa in grado di accogliere fino a 80 persone. Ogni giorno si potrà scegliere fra una ricca varietà di primi, secondi, contorni, dolci e piatti freddi. I menu sono studiati accuratamente dal servizio dietetico di Vivenda in base alla stagionalità e alle esigenze di lavoratori, pazienti e familiari.

Il rinnovamento dei locali e della cucina non poteva prescindere dai necessari principi di ecosostenibilità e insonorizzazione degli ambienti. Il Gruppo La Cascina ha perciò acquistato elettrodomestici di ultima generazione come frigoriferi a risparmio energetico, forni e lavastoviglie a ridotto impatto ambientale(consentono un risparmio non solo energetico ma anche di acqua e detersivi utilizzati). Ma non è tutto perché la struttura è dotata anche del “control pick” (controllo dei carichi): il sistema consente di tagliare i picchi di assorbimento elettrico e di gestire i carichi e i consumi per quanto riguarda tutti i macchinari di cottura e lavaggio. Inoltre, sempre nell’ottica di risparmio energetico, l’illuminazione delle due sale sarà affidata a lampade al Led che garantiscono importanti risparmi energetici nel lungo periodo.

“Villa Immacolata rappresenta oggi un’eccellenza, un punto di riferimento importante del territorio per la cura assistenziale della fase post acuta, della disabilità e del paziente anziano”, spiega Emilio R. Fusco, Direttore Commerciale del Gruppo La Cascina, a margine della cerimonia di inaugurazione. “Vivenda è perfettamente in linea con gli standard e i servizi offerti dalla casa di cura: piatti di altissima qualità potranno essere gustati dai nostri ospiti in un ambiente familiare e accogliente”. “Come già accaduto per altre strutture – conclude il manager del Gruppo la Cascina – anche a Villa Immacolata puntiamo su bontà e varietà dei cibi serviti”.

Parole di elogio per il bar e la mensa sono state spese da Lino Fumagalli, vescovo di Viterbo: “Questi due locali sono il segno di un’attenzione alla persona perché offrire la possibilità ai dipendenti di avere un pasto significa aiutarli a vivere meglio, offrirla a ospiti e familiari significa incoraggiare le visite perché ci si trova in una struttura che permette di trascorrere delle ore insieme”.

A fare gli onori di casa è stato Padre Emilio, il quale ha ringraziato la dirigenza di Vivenda per il lavoro svolto: “Per diversi mesi siamo stati carenti nel servizio bar, ma oggi finalmente siamo riusciti a raggiungere un importante risultato grazie anche all’assidua presenza e collaborazione dell’azienda”. Infinte il religioso prosegue sottolineando come “il bar e la mensa pongono Villa Immacolata all’avanguardia non soltanto da un punto di vista professionale ma anche umano”.

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI