Veronica Pivetti e Riccardo Rossi superstar a Caffeina

Cristiano Politini

Una serata ricca di eventi quella della domenica di Caffeina, che ha visto tra i protagonisti anche Veronica Pivetti e Riccardo Rossi. Nella splendida cornice del Cortile del Palazzo dei Priori, prima la Pivetti poi Rossi, hanno incantato e coinvolto il pubblico con i loro racconti.

Veronica Pivetti ha presentato il libro “Mai all’altezza”, una storia degli episodi e della ricerca degli eventi dell’infanzia che l’hanno portata ad essere la donna che è oggi. “Una voce che esce dalla scrittura”, sottolinea il presentatore Federico Meschini parlando del libro e, infatti, la Pivetti conquista il pubblico, raccontando e facendo immergere la platea nelle sue storie e nei suoi aneddoti. Ed ecco che, tra risate e momenti più seri, Veronica Pivetti ha spiegato come il suo libro voglia rappresentare le fragilità di un’età importante come l’adolescenza che va a segnare un passaggio importante nella crescita umana di tutti noi.

Se da un lato si è parlato di gioventù, Riccardo Rossi ha raccontato, con la sua classica vena ironica, cosa ha significato il superamento della boa dei cinquant’anni. Le abitudini, i vestiti, il mangiare, le visite mediche e le piccole cose quotidiane sembrano cambiare vorticosamente i ritmi della vita. Infatti, Rossi spiega alla perfezione come i cinquant’anni siano come un club esclusivo, dove si cerca di guardare indietro e di riscoprire i piaceri che si vivevano in gioventù e dove si fa di tutto per esorcizzare la paura di invecchiare. Nello spazio di presentazione del suo libro “Così Rossi che più Rossi non si può” c’è stata anche una parentesi per raccontare il suo blog, da dove è nata la passione per la scrittura che lo ha portato anche a collaborare con Fiorello.

In un Cortile di Palazzo dei Priori gremito, le tematiche della quotidianità, del cambiamento e dello scorrere del tempo hanno portato il pubblico dentro narrazioni uniche e coinvolgenti e che hanno fatto rivivere, tra una risata e l’altra, scene della nostra vita di tutti i giorni.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI