UTO UGHI concerto gratis in Duomo ad Amelia

Una notizia magnifica per gli appassionati di buona musica e per chi apprezza i grandi interpreti: sabato prossimo 18 giugno alle ore 18, nella storica Cattedrale di Amelia ad appena 30 minuti da Viterbo, UTO UGHI “uno dei più grandi violinisti di tutti i tempi” – eseguirà con i suoi “FILARMONICI DI ROMA”(l’Orchestra da Camera di Santa Cecilia) alcuni brani celeberrimi della grande tradizione musicale europea, tra cui due capolavori assoluti di Bach (il popolare Concerto in mi maggiore e la sublimeAria sulla quarta corda) , lo splendido Concerto in do maggiore di Haydn e un eccezionale brano virtuosistico del grande compositore viennese Fritz Kreisler.
Si tratta di una straordinaria anteprima di AMERIA FESTIVAL, l’annuale manifestazione d’autunno , che si è ormai definitivamente affermata in campo nazionale come una delle più significative e rinomate rassegne di musica e prosa e che quest’anno si aprirà il 23 settembre con una deliziosa edizione del “Barbiere di Siviglia” di Rossini.
Con questa sua significativa presenza Ughi, che per tre anni consecutivi ha onorato il Festival con alcune spettacolari esibizioni al Teatro Sociale, ha voluto anche nel 2016 – stante la materiale impossibilità di essere ad Amelia nel settembre-ottobre per precedenti impegni anche internazionali – offrire un segno tangibile della sua simpatia per il pubblico di questa città, che lo ricambia con affetto e grande ammirazione.
Subito dopo il concerto, il Maestro parteciperà con l’orchestra ad una cena offerta in suo onore in un noto ristorante, ove rilascerà autografi e risponderà alle domande dei tanti ammiratori.
L’ingresso in Cattedrale è libero, data la particolarità del luogo.
Alla cena potranno partecipare tutti coloro che, liberamente, vorranno offrire un contributo assolutamente volontario per alleviare gli oneri organizzativi della manifestazione. Informazioni (e prenotazioni per la cena) presso lo IAT, Ufficio turistico del Comune (che patrocina l’evento).
Tel. 0744 981453. www.ameriafestival.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI