Unitus in buona salute. Tra le novità agevolazioni e nuovi corsi

“E’ con vera soddisfazione che possiamo annunciare importanti novità per l’Università della Tuscia che sottolineano il gran lavoro di tutti nel raggiungimento degli obiettivi più ambiziosi. Un lavoro che è sottolineato dall’aumento del 3% delle iscrizioni, dato definitivo per l’anno accademico 14-15” . Così il Rettore Alessandro Ruggieri ha esordito cominciando la conferenza stampa del 10 luglio alla quale erano presenti anche il direttore generale Alessandra Moscatelli e la professoressa Anna Maria Fausto come pro-rettore.
“Il ministero dell’Universitàha detto il Rettore Ruggieri- ci ha riconosciuto tre nuovi corsi di laurea riscontrandone le alte qualità e professionalità”
Il primo :”Pianificazione e progettazione del paesaggio e ambiente agrario e forestale. I ragazzi che lo frequenteranno diventeranno una sorta di architetti ambientali: vedrà la collaborazione di tre nostri dipartimenti: DIBAF, DEB e DAFNE e della Sapienza di Roma”
Il secondo : “Scienze della montagna” che avrà sede a Rieti.”Ce n’è un altro solo del genere in Italia, a Milano-ha specificato il Rettore -. sarà per specialisti della montagna, ossia preparerà laureati che si occuperanno con elevata professionalità di agricoltura, foreste, turismo, gestione e innovazione degli ambienti montani”.

Il terzo è il nuovo corso di laurea magistrale (5 anni) in Ingegneria Maccanica ( che si affianca a Ingegneria industriale, laurea triennale già attiva) che è frutto della collaborazione tra 4 dipartimenti: DEIM, DAFNE, DEB e DIBAF.

Ci sono poi altre novità come la laurea magistrale in agricoltura ambiente e salute (Biotecnologie), il corso di laurea in Comunicazione, tecnologie e cultura digitale in collaborazione con importanti aziende nazionali.

“Approvati 3 progetti su 5 presentati- ha detto il prof. Ruggieri- sono stati approvati ed è uno dei migliori risultati di sempre per l’Ateneo viterbese che dimostra come la Regione Lazio ci riconosca una notevole importanza in ambito della ricerca”. I progetti che hanno vinto il bando emanato dalla Pisana e al quale hanno partecipato tutte le Università del Lazio, hanno un valore complessivo di 600.000 euro.
Il primo:” Piattaforma multisensoriale per la gestione, innovazione e sostenibilità di ecosistemi agroambientali” è un progetto ad alta specializzazione e innovazione tecnologica gestito dal Dipartimento DIBAF.

Il secondo:” innovazioni tecnologiche per migliorare i processi produttivi e le qualità nutraceutiche e salutistiche dei prodotti di specie vegetali del territorio laziale. I gruppi di ricerca svolgeranno attività di ricerca nel miglioramento dei processi produttivi relativi alle colture di viti, olivi, nocciole, frutta, frumento ed altro.

Il terzo:”La valutazione della pericolosità geologica per la tutela e la fruizione del paesaggio e del patrimonio culturale: un modello GIS per Ostia antica“. Questo è un progetto che riguarda l’area umanistica che adotterà una metodologia assai originale per la ricerca in ambiti storici, sociali, culturali e geologici.
Fin qui le novità, e non sono poche.

Ma il rettore Ruggieri ha voluto anche sottolineare l’eccezionale riuscita della mostra “Tuscia Food Valley” in corso al pianterreno del Rettorato visitabile fino ad ottobre. E’ stata organizzata dall’Università della Tuscia con il contributo della Regione Lazio e la collaborazione delle Università La Sapienza e Roma Tre.Parte di un percorso di visita a disposizione del territorio che comprenderà l’Orto Botanico e il Sistema Museale, che raccoglierà a S.Maria in Gradi tutte le collezioni dell’Ateneo, l’inaugurazione sarà il 17 luglio.
Il direttore generale Moscatelli ha sottolineato: “L’Università della Tuscia- viene ancora una volta incontro alle esigenze delle famiglie in questo particolare momento, rivedendo le norme per il pagamento delle tasse universitarie”.
Per le famiglie con più figli iscritti all’ateneo viterbese gli sconti sono fino al 30%. Ma il premio di Unitus è pure indirizzato al merito: che si iscrive con un diploma di maturità di 100 e lode non pagherà tasse, sarà a scalare per i voti più bassi. C’è pure un premio fedeltà per chi dopo la laurea triennale conseguirà la laurea magistrale, ci sarà una decurtazione del 20% delle tasse.
Per gli studenti che si iscrivono con un titolo di studio conseguito all’estero la decurtazione delle tesse sarà del 20%.
Per chi invece osserva il pagamento entro il 30 settembre avrà uno sconto del 10%. Una concezione organizzativa manageriale che tiene conto dei tempi e dei competitor.
“La biblioteca aperta anche di notte- da detto l’avvocato Moscatelli- ha avuto successo. Tra le novità annunciate,una rassegna cinematografica subito dopo l’estate e una serie di iniziative del CUS (Centro Universitario sportivo) tra le quali una maratona con partecipanti da tutte le Università italiane ed estere”.
L’11 settembre l’appuntamento è con il tradizione Open Day. Dopo una offerta così ricca e variegata, il consenso per Unitus sarà assoluto.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI