Unitus: SkyLabStudios protagonista della digitalizzazione culturale

Si è svolto a Viterbo,presso il DISUCOM,a Santa Maria in Gradi il seminario “La città parlante, soluzioni innovative per il turismo e i Beni culturali”. A moderare l’incontro con gli studenti del corso di Scienze della Comunicazione, è stato Marco Piastra direttore marketing della start up innovativa Skylab Studios che ha parlato di innovazione e realtà aumentata, presentando in prima battuta la sua azienda. “Siamo una realtà costituita da persone che hanno avuto esperienze e formazione in diversi campi. Ognuno di noi ha le proprie competenze specifiche – ha spiegato Piastra – che animano originalmente il nostro studio di comunicazione visiva da circa venti anni”.

L’incontro si è sviluppato sul tema dell’innovazione e Piastra ha raccontato agli studenti il rapporto con il digitale e con le nuove tecnologie. Ha spiegato come SkyLab ne ha fatto una espressione di comunicazione nel campo del turismo e come i Qr Code e i chip NFC siano al centro di numerosi progetti di comunicazione dei beni culturali. Un esempio portato agli studenti è stato quello delle placche interattive, che possono dare una serie di informazioni e spiegazioni al turista tramite smartphone. “Le placche sono sistemi innovativi e a impatto zero, 100% made in Italy che, essendo di porcellana, sono anche antigraffio e possono resistere a danneggiamenti. Grazie alle placche e agli smartphone l’esperienza del turista può essere unica e interattiva – ha spiegato Piastra”.

L’accessibilità del turismo è stato uno dei temi più interessanti. “Siamo molto attenti all’inclusione e ai temi del sociale – ha spiegato Piastra – le nuove tecnologie possono aiutare i non vedenti e i non udenti a godere di un’esperienza turistica completa. Nelle nostre guide inseriamo sempre il Linguaggio dei Segni – ha concluso”.

Allo stesso modo, la realtà aumentata applicata al turismo innovativo ha affascinato il pubblico, che ha conosciuto come, grazie a questa tecnologia, le opere d’arte possono prendere vita e raccontare la loro storia, rappresentando, così, anche degli importanti strumenti didattici a misura di bambino.

La chiusura dell’incontro è toccata al Professor Giovanni Fiorentino, docente Disucom, il quale ha ribadito come le sinergie tra territorio e imprese siano l’elemento fondante del dipartimento e del corso di Scienze della Comunicazione per costruire, tutti insieme, un progetto importante.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI