Ugo Nardini: dal racconto della storia di famiglia il Paese di allora

Nel salutare la folta platea intervenuta alla sala Regia al comune di Viterbo venerdì 3 febbraio Ugo Nardini ha detto: “Voglio ringraziare tutti gli amici intervenuti alla presentazione. Ricordo i 15 anni al consorzio agrario di Viterbo e poi i due a quello di Latina. Ricordo i compagni di scuola e gli amici che erano con me in giunta in Provincia. E sono commosso dalla vostra presenza”. L’occasione d’incontro è stata data dalla presentazione di “Strade di polvere”, quarto libro di Ugo Nardini. Oltre all’autore presenti il sindaco Leonardo Michelini e la deputata democratica Alessandra Terrosi. Il significato del un libro spiegato in maniera precisa dal deputato del Partito democratico Alessandro Mazzoli:“Nardini ci offre la storia della sua famiglia come occasione di ricostruzione di una parte della storia del Paese. La vicenda di una famiglia di mezzadri per ricostruire il senso e la realtà di quella civiltà contadina che è stata una parte rilevante della storia d’Italia. Nardini compie lo sforzo di recuperare le proprie radici nel tentativo di riappropriarsi di un senso di comunità che ai giorni di oggi sembra venuto meno e che invece è indispensabile se si vuole costruire una stagione migliore di quella che stiamo attraversando”. Ugo Nardini scrittore mette a fuoco avvenimenti principi e valori di cui ne è un interprete leale ed appassionato.
Foto di Luciano Pasquini

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI