Tuscania rende omaggio a Rudolf Kortokraks

Dal  12 agosto al 30 settembre 2017 il Teatro Comunale Il Rivellino di Tuscania ospiterà  l’evento:  Omaggio a Rudolf Kortokraks, a cura dell’associazione Actas, articolato in  due mostre: mostra personale dal 1950 al 2010 e Da Kokoschka a Kortokraks, da Salisburgo a Tuscania, mostra sulla Scuola di Visione.

L’ACTAS nacque nel 1978 per dare uno “scossone” culturale a Tuscania, ancora semidistrutta dal terremoto del 1971. Per alcuni anni sono stati organizzati mostre, dibattiti, presentazioni di libri, concorsi per le scuole, una stagione di concerti. Poi l’attività si è fermata, fino all’estate 2015 quando si è deciso di far rinascere l’associazione.

Quindi ecco di nuovo mostre di pittura personali e collettive, mostre e concorso di fotografia, presentazione di libri, conferenze di storia, di arte, di lirica, concerto del Coro Polifonico di Ciampino a favore della Caritas di Tuscania. In questa prima edizione le opere rappresentate al Teatro Il Rivellino sono state Macbeth, Qualcuno volò sul nido del cuculo Arancia Meccanica. In ottobre 2016 è stata allestita la mostra rievocativa Quando Tuscania era cosmopolita dedicata alla Scuola di Visione del professor Rudolf Kortokraks con la partecipazione e la testimonianza di artisti tedeschi, olandesi, californiani e inglesi, allora studenti in Tuscania ed oggi artisti di fama internazionale, letture sulla Scuola, manifesti degli anni ’80 originali, proiezione di centinaia di foto fatte in quegli anni dal Klaus Renner, allora fotografo della Scuola ed oggi reporter per molte testate tedesche, gigantografie, articoli di giornali di allora, e quadri di allievi che hanno inviato lavori realizzati durante la scuola ed opere di oggi.

Le mostre

E’ lo stretto legame che ha unito Tuscania con la Scuola di Visione che spinge a realizzare la grande mostra di Kortokraks. Grazie all’affetto e all’amicizia che lega la famiglia Kortokraks a Tuscania, si può disporre di 20 opere che il professore ha scelto personalmente per una mostra antologica che fu allestita a Budapest nel 2014, pochi mesi prima della sua morte. Sono quadri che coprono un lungo periodo della sua vita artistica, dal 1950 al 2010. A questi quadri la moglie, Miriam Frank, ne aggiungerà altri 6 che rappresentano Tuscania, Vulci ed il territorio circostante.

Kortokraks trasferì la Scuola Estiva di Visione da Salisburgo (Austria) a Tuscania nel 1980 e prosegui questa importante iniziativa fino al 1990. In quegli anni Tuscania in estate, grazie a Kortokraks, si trasformava in un centro di cultura internazionale con centinaia di giovani artisti che venivano per frequentare le lezioni della Scuola di Visione e a fine corso ritornavano nei loro paesi d’origine portando nel cuore Tuscania. Anche vecchi compagni della Scuola di Visione di Salisburgo venivano a Tuscania, fermandosi per alcuni giorni.

In quegli anni Tuscania è stata frequentata grazie a Kortokraks da personaggi di primo piano della politica tedesca ed austriaca, professori di università estere e critici d’arte, giornalisti, registi e diplomatici di Austria e Germania, rampolli della nobiltà austriaca e tedesca, e teste coronate di mezza Europa già allievi prima di Kokoschka e dopo di Kortokraks all’Accademia di Salisburgo. Tuscania durante l’estate era veramente il centro del mondo. Basta guardare i registri delle presenze di quegli anni dell’Albergo il Gallo per rendersi conto di tutto questo.

La mostra antologica di Kortokraks dei quadri che vanno dal 1950 al 2010 sarà allestita nei due primi ordini di palchi. E’ stata studiata una illuminazione che valorizzerà al massimo non solo le opere esposte ma la struttura stessa dell’edificio. Sul palco sarà posizionato uno schermo cinematografico dove sarà proiettato a ciclo continuo il film/documentario Rudolf Kortokraks girato dalla regista austriaca Petra Hinterberger nel 2011.

L’ esposizione sarà inaugurata il giorno 11 agosto 2017, con una cerimonia riservata alle autorità, alle rappresentanze estere, ai giornalisti, agli sponsor e agli ospiti,mentre dal 12 agosto al 30 settembre sarà aperta al pubblico.

La manifestazione è patrocinata dal Comune di Tuscania e dalla Pro Loco, del Forum Austriaco di Cultura dell’Ambasciata di Austria, dell’Ambasciata della Repubblica Federale di Germania, della Regione Lazio.

 

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI