Tuscania: musica iraniana e danza Sufi e Ensemble

La danza e la musica iraniana saranno i protagonisti di un evento unico ed eccezionale in programma a Tuscania domenica 2 agosto alle 19 al parco di Lavello.

Pejman Tadayon e Ensemble, grande artista di fama internazionale, porterà nel paesino della Tuscia il ritmo e mistero della danza Derviscia e della musica iraniana, intrecciando poesia, musica e preghiera.

La danza dei dervisci rotanti chiamati anche “semazen” è dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, un misto di arte e forte spiritualità. La parola “derviscio” ha acquistato il significato di “colui che cerca il passaggio”, ossia la soglia, l’entrata che porta da questo mondo materiale ad un differente mondo spirituale, e i Sufi sono i puri.

Pejman invita infatti alla spiritualità, a una visione più armonica della realtà, avvicinando al tempo stesso il pubblico alla cultura del suo paese. Dirige un ensemble di musica e danza Sufi dove unisce musica, danza e poesia per celebrare alcuni dei più grandi mistici di tutti i tempi : Jalalludin Rumi, Hafez, Omar Khayyam, e per diffondere il loro messaggio universale di armonia e pace fra tutte le religioni e le culture, come è tradizione delle confraternite Sufi. Insieme alla musica tradizionale persiana, suonata con gli strumenti originali come setar, ney, tar , oud, tombak, daf, durante i suoi live si recitano i poemi dei grandi mistici sufi che più rappresentano la loro ricerca spirituale, mentre l’intervento di danzatori rievocherà il Sema dei dervisci rotanti Mevlevi, oltre che l’arte dell’antica danza persiana.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI