TFF: Pif e “In guerra per amore” incantano Viterbo

Cristiano Politini

Una serata che nessuno potrà dimenticare, grazie al genio di Pif, attore, regista e conduttore televisivo e radiofonico che ha regalato alla città di Viterbo e al Tuscia Film Fest una notte magica. L’attore, accorso al festival insieme a Michele Astori, ha stregato Piazza San Lorenzo con il suo ultimo capolavoro “In guerra per amore”.

Pif, già ospite del Tuscia Film Fest nel 2014, è salito sul palco prima della tanto attesa proiezione, salutando i presenti, invitandoli a rimanere fino alla fine per scoprire i molti aneddoti legati al film e per dibattere intorno alle forti tematiche trattate, per una pellicola che lo ha visto non solo come soggetto, ma anche come sceneggiatore e regista.

Pif chiama e Viterbo risponde. Infatti, il pubblico dopo aver assistito al film con entusiasmo ha mantenuto la promessa fatta poco prima e ha partecipato attivamente al dibattito intorno alle tematiche proposte dal film. Durante la chiacchierata sul palco del festival, l’attore regista ha raccontato le idee dietro il film, le scene tagliate e quelle cambiate in corso d’opera, gli aneddoti e i simpatici siparietti nati durante le riprese.

Tra le molte curiosità raccontate dall’attore, quella della ricerca storica, molto attenta e minuziosa per ricostruire fatti ma anche per rappresentare al meglio i costumi e i luoghi dell’epoca.

Nota decisamente positiva, che conferma la bontà e la funzionalità del Tuscia Film Fest, è stata di nuovo la vicinanza e la partecipazione del pubblico, che ha interagito con gli invitati sul palco del festival, porgendo domande e presentando delle analisi critiche alle scene viste poco prima.

Tra simpatiche incomprensioni linguistiche e forti messaggi sociali, Pif è riuscito a rappresentare con ironia uno spaccato dell’Italia di ieri e di oggi, conquistando nuovamente Viterbo e dimostrando che si possono ancora raccontare in chiave ironica fatti cruciali della storia di un paese, trasmettendo dei messaggi che arrivano dritti al cuore di chi ascolta.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI