Testamento biologico: disponibile a Viterbo dal 2 maggio

Tutti i cittadini potranno sottoscriverlo presso l’anagrafe, su appuntamento.

Si è tenuta presso la Sala del Consiglio del Comune di Viterbo la conferenza dedicata alla costituzione del “registro relativo al deposito delle dichiarazioni anticipate di volontà sui trattamenti sanitari”, meglio conosciuto come “testamento biologico”.

Dopo un anno circa di discussione in sede di Consiglio, con questo appuntamento viene confermato che a partire dal 2 maggio sarà possibile usufruire di un importante servizio che il Comune di Viterbo ha deciso di offrire a tutti i suoi cittadini. Recandosi presso l’anagrafe, su appuntamento, sarà possibile per il cittadino sottoscrivere il registro in questione identificando i fiduciari (delle persone fisiche), ovvero coloro che dovranno eseguire le sue volontà nel momento in cui potrebbe ritrovarsi non più in grado di esprimerle. Il testamento non sarà però materialmente depositato in questa sede, ma sarà possibile segnalare dove questo è preservato (ad esempio presso un notaio). Ogni informazione sarà presto disponibile anche sul sito del Comune.

“Si tratta questo di un segno di grande civiltà”, ha dichiarato l’assessore ai servizi demografici Sonia Perà, sottolineando come la discussione, anche sull’eutanasia, sia tornata in questi ultimi mesi alla ribalta su tutti i media grazie a due esperienze dirette e, ovviamente, drammatiche, di persone che hanno deciso di recarsi in territorio estero per porre fine, volontariamente, alle loro vite a causa della grande sofferenza provata in seguito alle gravi malattie conseguite.

Come ribadisce la consigliera Melissa Mongiardo: “la politica ha bisogno di occuparsi anche dell’aspetto etico e umano dei propri cittadini”, così da essergli accanto come garante delle proprie libertà. In questo, il Comune di Viterbo, anticiperà lo Stato, ancora bloccato in Parlamento su tale importante e delicata questione, offrendosi come garante delle volontà dei viterbesi che vorranno sfruttare tale opportunità.

Con questo testamento sarà anche più semplice per i famigliari comprendere, in maniera univoca, le reali disposizioni dei loro cari, dandogli modo di rispettarle. Ovviamente, in copresenza dell’intestatario del testamento e dei suoi fiduciari sarà possibile apportare modifiche, o sottoscrivere un nuovo testo che andrà a sostituire il precedente.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI