I tesori dei prati. Le orchidee della Tuscia a Caprarola

Tra le rocce, in mezzo all’erba alta, all’ombra di maestosi alberi, notiamo dei piccoli “punti di colore” che spiccano nel verde. I fiori cercano di attirare gli insetti impollinatori e mettono in atto ogni strategia possibile per riuscirvi: colori sgargianti appunto, profumi e forme particolari. Tra di essi le orchidee spontanee sono quelle più abili nel farlo, utilizzando tutte le tecniche di attrazione: alcune simulano addirittura la forma di insetti e ne emanano il caratteristico odore.
Scoprire l’incredibile mondo delle rare orchidee selvatiche assieme a Sergio Buono, esperto della “Sezione Etruria Meridionale” del G.I.R.O.S. – Gruppo Italiano Ricerca Orchidee Spontanee (qui per il sito Internet).
Appuntamento per mercoledì 11 maggio alle ore 17.30 presso il LabTer della Riserva Lago di Vico, Palazzo della Cultura, Via della Repubblica snc, Caprarola.
Informazioni al numero 3293604039 e alla casella promozione@riservavico.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI