Telemed, parte “l’informatizzazione elettrocardiografica”

Telemed, il progetto di “informatizzazione elettrocardiografica” relativa alla teletrasmissione degli elettrocardiogrammi da bordo dei mezzi di trasporto dell’Ares 118 alla stazione di ricezione della Unità operativa complessa di Cardiologia dell’ospedale di Belcolle entra nella piena fase operativa a partire da lunedì 16 novembre.
Tutte le ambulanze di Viterbo sono dotate di un macchinario che immediatamente, quando viene fatto l’elettrocardiogramma, trasmette il tracciato direttamente al reparto, verificando lo stato di gravità del paziente, e il codice di ricovero.
L’attivazione del servizio avviene al temine di un necessario periodo di sperimentazione e a seguito della sottoscrizione da parte della Asl di Viterbo e dell’Ares 118 dell’accordo quadro relativo alle procedure Telemed e al trasporto in generale del paziente critico. Sottoscrizione che avverrà giovedì 12 novembre.

Nello specifico, l’accordo quadro è un passaggio fondamentale per l’attivazione del progetto Telemed, in quanto definisce le procedure di teleconsulto degli elettrocardiogrammi, di supporto alla connettività da parte di Lait per la trasmissione degli esami dai mezzi mobili dell’Ares 118 e di presa in carico diretta del paziente, con accettazione diretta in sala emodinamica, da parte della Asl di Viterbo.

Telemed nasce a Viterbo come progetto “pilota” a livello regionale nell’ambito della rete per le emergenze cardiologiche e si prefigge di dotare i mezzi di pronto intervento della possibilità di trasmettere gli elettrocardiogrammi direttamente dai mezzi di soccorso alle postazioni di emodinamica delle strutture cardiologiche, allo scopo di abbreviare, attraverso una più precoce diagnosi di infarto del miocardio, i tempi di accesso alle cure eliminando il transito per i pronto soccorso ospedalieri, con arrivo diretto nelle emodinamiche delle strutture.

Obiettivo principale del progetto Telemed è la successiva estensione di tale modello a tutto il territorio regionale.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI