Tecnologia, il 2015 sarà l’anno del “computing everywhere”

tecnologia

Il mercato tecnologico, e quello mobile in particolare, è in continua e rapida trasformazione. Siamo connessi ovunque e in qualsiasi momento: a casa, a lavoro, a scuola. Dai più grandi ai più piccoli oramai la nostra vita è impensabile senza connessione. Non a caso il 2015 è stato battezzato dagli addetti ai lavori come l’anno del “computing everywhere”, ovvero della grande onnipresenza di smartphone, tablet e prodotti informatici che saranno con noi ovunque.

Ma se smartphone e tablet sono ormai diventati oggetti di uso comune, cresce l’interesse per le cosiddette  “tecnologie indossabili” o “wearable technologies”. Si tratta di accessori che incorporano computer e tecnologie elettroniche avanzate che possiamo indossare e portare sempre con noi.  Il più noto esponente delle “wearable technologies” sono i Google Glass, occhiali che permettono di visualizzare sulla lente informazioni ricevute dalla rete e di poter interagire con oggetti del mondo reale attraverso comandi vocali. Ma anche orologi, anelli e bracciali e molti altri tipi di oggetti stanno divenendo smart. Se ora con tablet e smartphone eravamo connessi, attraverso le tecnologie indossabili la nostra connessione e interazione con il  mondo che ci circonda aumenta in maniera esponenziale.

Ma non dobbiamo pensare agli indossabili solo come oggetti di moda ma anche a dispositivi che potrebbero addirittura salvarci la vita. Essi infatti stanno trovando sempre più riscontro nel settore sanitario. Con la “visita da remoto” attraverso braccialetti, magliette, orologi  e qualsiasi altro dispositivo indossabile è possibile comunicare costantemente alcuni valori fisiologici al medico che può così controllare e monitorare più frequentemente lo stato di salute del paziente. Con le visite a distanza inoltre il paziente può risparmiare il costo per gli spostamenti e per il consulto medico.

Chissà se in un futuro prossimo potremmo dire addio alle lunghe file dal dottore e controllare la nostra salute standocene comodamente seduti sul divano di casa?

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI