Teatri di Pietra, su il sipario all’Anfiteatro romano di Sutri

Un luogo straordinario, l’Anfiteatro romano di Sutri, una serie di spettacoli prestigiosi e un omaggio alla cultura imperdibile.
Sono gli elementi vincenti della rassegna Teatri di Pietra, che da quasi vent’anni si fa portavoce di una mission di elevato valore: la valorizzazione dei teatri antichi e dei siti monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo ed una rete culturale di più soggetti che unisce arte, cultura, storia e paesaggio.
In tutt’Italia sono tantissime le aree coinvolte in questo progetto, dalla Toscana alla Sicilia, dove, con una serie di appuntamenti dedicati ai grandi classici della storia, si riesce a trasfigurare il tema in “materia sensibile” approcciando il contemporaneo attraverso il rito del teatro.
La rassegna, alla XVIII edizione, è organizzata da Pentagono Produzioni e Circuito Danza Lazio, in collaborazione con il Comune di Sutri e il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale e la Regione Lazio.
La direzione artistica è affidata, come sempre, al maestro Aurelio Gatti, che, con un’instancabile passione e grazie alla collaborazione di un numeroso e affiatato gruppo di artisti e ha permesso di incrementare la valorizzazione e la conoscenza mediatica di siti storici di inestimabile pregio.
Il sipario sulla prossima stagione di Teatri di Pietra si aprirà il 24 giugno e calerà il 22 luglio.
In cartellone classici immortali della letteratura latina e greca ma anche incursioni nel contemporaneo, con una serata dedicata ai canti della pizzica salentina a firma di Enza Pagliara e Dario Muci e con l’omaggio a De Andrè degli Hotel Supramonte. Oltre trenta gli artisti ospiti di questa nuova edizione, tra i quali Cinzia Maccagnano, Sebastiano Tringali, Simone Migliorini, Blas Roca Rey.
Ad aprire la programmazione, sabato 24 giugno “Pentesilea vs Achille”* , alle 21.00.
Seguiranno, quindi, altri cinque spettacoli: domenica 2 luglio “Canti di mare e di terra del Salento”, sabato 8 luglio “Caligola”, giovedì 13 luglio “Omaggio a De Andrè” , sabato 15 luglio “Pancrazio”, e chiusura, sabato 22 luglio, con l’”Odissea”.

E’ possibile acquistare i biglietti online su www.etes.it oppure alla biglietteria che si trova presso il sito.

Per informazioni: FB Teatri di Pietra, whatsapp 333- 7097449

Pentesilea vs Achille
L’opera, di Francesco Randazzo, è una scrittura originale che spinge a sperimentare nuovi linguaggi.
La parola in forma di poesia restituisce immagini e scenari che vanno oltre la scatola teatrale, quasi a suggerire un’opera filmica.
L’autore, infatti, ha voluto cogliere una sfida, quella di realizzare uno spettacolo montato come si fa con un film, scegliendo le immagini e le inquadrature più adatte alla narrazione del sé frammentato di Pentesilea/Achille.

Il testo riporta frammenti di mito, di dramma e di pensiero, in una sorta di opera visiva e visionaria, dove l’immagine, meticolosamente costruita dai corpi degli attori, viene completata da proiezioni di filmati originali, e soprattutto, totalmente guidata da una opera musicale originale.
Pentesilea vs Achille parla di disordine, di caos, di mito e di modernità, di smarrimento e di ricerca di un nuovo ordine in cui l’uomo contemporaneo può finalmente ridefinire le sue funzioni.
In scena la compagnia La Bottega del Pane, con Cinzia Maccagnano, Luna Marongiu, Cristina Putignano,
regia di Cinzia Maccagnano, musiche originali Lucrezio De Seta, scene e costumi di Monica Mancini.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI