Sulla discarica Le Fornaci, Viterbo ri.. chiama Rieti

ecocentro grotte santo stefano

L’associazione Zero Waste – Coordinamento Rifiuti Zero Lazio, dopo aver inviato nei giorni scorsi una lettera all’assessore comunale Vannini, ricevendo una cortese e immediata risposta, riguardante la situazione della raccolta e smaltimento dei rifiuti a Viterbo, ne ha inviata un’altra al sindaco di Rieti, città che da anni conferisce i propri rifiuti nella discarica della Città dei Papi.
“In un comunicato stampa del Comune di Viterbo sull’andamento della raccolta differenziata – scrivono gli ambientalisti al primo cittadino di Rieti – si legge che le volumetrie conferite nella discarica viterbese “Le Fornaci” sono per circa la metà di origine locale e per l’altra occupata da rifiuti provenienti dalla provincia di Roma e dal Comune di Rieti.
Senza sottrarsi alla necessaria solidarietà, l’assessore viterbese sollecita tutte le comunità ospitate a un maggiore senso civico e a intraprendere concrete azioni di prevenzione.
Viterbo, oltre ad aver consolidato il 55% di raccolta differenziata nel 2014, in due anni ha dimezzato la produzione di rifiuti e l’impegno futuro sarà orientato a migliorare ulteriormente le performance raggiunte. Alla luce dei risultati e dell’impegno promesso – prosegue il coordinamento Rifiuti Zero Lazio – ci siamo complimentati con l’assessore Vannini che organizzerà un tavolo di lavoro tra Viterbo e Rieti per individuare, con reciproco senso di solidarietà, soluzioni praticabili.
Non può sfuggire – notano gli ambientalisti – che i risultati viterbesi, se conseguiti anche da Rieti e dalla provincia romana, produrrebbero l’immediato effetto di raddoppiare la vita stessa della discarica e recuperare del tempo utile per organizzare una gestione rifiuti orientata a minimizzare la fase dello smaltimento a favore del recupero di materia.
Confidiamo – conclude il Coordinamento Rifiuti Zero Lazio – nella sensibilità del primo cittadino di Rieti verso l’ambiente e siamo certi che accetterà l’invito all’incontro.”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI