Soriano Sagra della Castagna: apertura del Castello Orsini con accesso sul Merlo Maschio

In occasione della 50° Sagra delle Castagne di Soriano nel Cimino, la cooperativa sociale Il Camaleonte organizza una serie di iniziative volte alla valorizzazione del territorio.

Per i primi due weekend (29-30 settembre e 1 ottobre; 6-7-8 ottobre) il Castello Orsini sarà aperto ad orario continuato dalle 10 alle 20. Al suo interno i visitatori potranno trovare le ormai consolidate due mostre:
– Dagli organetti alle Macchine Parlanti. Un’esperienza sensoriale e culturale unica grazie ad una collezione ricca e funzionante che spazia dall’invenzione del Fonografo di Edison, passando per i grammofoni, fino al Vinile.
– Civiltà rurale della Tuscia. Nel piano nobile un’esposizione di utensili e attrezzature della civiltà contadina della Tuscia tra XIX e XX secolo. Un percorso articolato e ricco per scoprire antiche usanze legate all’enogastronomia e ai mestieri tradizionali.

Ma non finisce qui. Oltre alla possibilità di salire sul Merlo Maschio per ammirare l’incantevole panorama, infatti, il Castello Orsini ospiterà quest’anno i falconieri (domenica 1 e 8 ottobre) che esibiranno i rapaci, con la possibilità per il pubblico – anche per i bambini – di fare foto insieme a loro. Per i più piccoli sarà inoltre allestita una sala ludica con grandi giochi tradizionali in legno prodotti da Il Camaleonte. Nell’Ora d’Aria, spazio esterno utilizzato quando il Castello divenne penitenziario dello Stato (fino al 1989), sarà allestita un’area ristoro con caldarroste e vino.
Inoltre il Gruppo Storico Spadaccini aprirà nei sotterranei del castello la mostra Ars Doloris – Sala delle Torture (per gli orari di apertura fare riferimento al programma della manifestazione).

Vi ricordiamo inoltre che il terzo weekend (14-15 ottobre) avrà luogo “Il Castello dei Sapori”, evento a ingresso libero dedicato ai prodotti tipici del territorio della Tuscia.

Per informazioni e prenotazioni: tel. 349 8774548 – coop.ilcamaleonte@libero.it – ilcamaleonte-coopsociale.blogspot.it

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI