Soriano : presentato ilPiano di Emergenza Comunale (PEC)

Riceviamo e pubblichiamo:

Sabato 25 febbraio presso la sala consiliare si è tenuta la manifestazione pubblica per la presentazione del Piano di Emergenza Comunale (PEC) del Comune di Soriano nel Cimino.
In apertura il Sindaco Fabio Menicacci ha sottolineato che “nei tempi dettati dalla normativa si è riusciti a rifare un piano del 2006 del quale praticamente nessuno era a conoscenza e riguardava quasi esclusivamente l’emergenza antincendio.
L’assemblea di oggi , alla quale seguiranno certamente altre, serve a contribuire alla sua conoscenza”.
“Abbiamo aggiornato, anzi rifatto e riscritto tutto il piano d’emergenza” ha sottolineato il consigliere Giordano Burratti. “Lo abbiamo reso pubblico e accessibile a tutti pubblicandolo sul sito del Comune e, per contribuire alla sua divulgazione, abbiamo realizzato un sintetico vademecum, seguendo le istruzioni della Protezione Civile in merito alla campagna ” Io non rischio”, nel quale sono state riassunte le informazioni essenziali del piano unitamente ai comportamenti da tenere in caso di emergenza”.
L’intervento dei tecnici Paolo Bottamedi e Simone Amato, che hanno redatto il PEC, è servito a focalizzare le caratteristiche principali del Piano: responsabilità, funzioni, aree di ritrovo, ecc.
E’ ovvio che essendo un Piano dinamico e non statico può e deve, annualmente, essere rivisto, corretto, migliorato ed integrato. La prima stesura costituisce una validissima base sulla quale occorre lavorare costantemente e questo sarà fatto.
“Nell’attività di estrema apertura e collaborazione a tutto tondo che ha sempre caratterizzato la mia amministrazione”, ha proseguito Menicacci, “abbiamo convocato una riunione con tutte le Associazioni di volontariato del nostro territorio nella quale ci sono state fatte osservazioni, proposte e suggerimenti che sono stati recepiti e saranno lavorati nei tempi e modi opportuni”.
“Nel 2017, nonostante le numerose difficoltà dovute alla gestione del caso Edilfarm, abbiamo previsto fondi alla protezione Civile Comunale (alla quale è stato consegnato anche un attestato di civica benemerenza per l’opera svolta nei soccorsi alle popolazioni colpite dal recente terremoto) e con la stessa abbiamo anche concordato alcune possibilità di potenziamento del parco mezzi.
E’ intenzione dell’amministrazione, non appena ci saremmo dotati della specifica segnaletica, porre in essere delle esercitazioni che coinvolgeranno la popolazione e tutti i soggetti richiamati nel piano”.
In chiusura il Sindaco Fabio Menicacci ha sottolineato il rammarico di quanto letto sui giornali e social networks inondati da articoli e post sul nuovo piano comunale di emergenza come se fosse la cosa più sbagliata di questo mondo. “Non mi stancherò mai di ringraziare ed elogiare il lavoro dei volontari, ma auspico che la politica rimanga al di fuori del volontariato perché mischiare i due mondi significa inquinare volutamente i rapporti tra enti (amministrazione comunale e associazioni di volontariato) che dovrebbero essere basati sulla totale indipendenza.
Il rammarico è stato ancora maggiore quando, dopo alcuni interventi di cittadini che hanno chiesto chiarimenti e posto domande, si è dovuto assistere alla liturgia, anzi al finto teatrino, della politica quella più bieca che, come sempre, pone nella discussione poco di costruttivo. Se il metodo deve essere questo, quello di non avere capacità di ragionamento, quello di provare ad aizzare alcune componenti della vita civile con critiche senza costrutto o con illazioni fuori luogo, allora è inutile considerarsi e considerare amministrazione chi continua a fare “opposizione”. E’ quello che continuiamo a vedere e sentire, l’opposizione sempre e comunque non porta a nessun bene per la comunità e il più delle volte è un metodo che si ritorce contro chi la esercita”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI