Sollecito presenta all’Etruria il libro : “Temi Desnuda”

Assolto definitivamente lo scorso marzo nell’omicidio Kercher, Raffaele Sollecito lo aveva subito annunciato che parte del suo tempo da allora in poi sarebbe stato dedicato al tema della giustizia girando l’Italia in incontri e dibattiti, raccontando la propria esperienza, è così sta facendo. A Viterbo arriverà il 5 giugno per la presentazione del libro: “Temi Desnuda”. A organizzare l’appuntamento, il Movimento per il neorinascimento della giustizia. Al centro del dibattito, il tema della giustizia.
Appuntamento alle 18, ospite alla libreria Etruria insieme agli autori del libro.

La dea greca Temi, o Temide, simbolo della giustizia, è il baluardo del libro Temi desnuda di La Herald editore.

Un saggio a più mani scritto da Gennaro Francione, che ne è anche il curatore, Ferdinando Imposimato e Paolo Franceschetti, mentre a Saverio Fortunato e ad Antonietta Montano sono state affidate rispettivamente la prefazione e la postfazione.

Il tema è quello della giustizia e delle mancanze di quest’ultima in particolare nelle democrazie occidentali. E, riconoscendo come parte di tali mancanze i processi indiziari, vengono presi ad esempio una serie di casi giudiziari eclatanti che si sono susseguiti negli ultimi anni, come quello di Meredith Kercher, Marta Russo, Yara Gambirasio, Sara Scazzi, Melania Rea, Chiara Poggi e molti altri. Processi condotti in mancanza di vere prove che hanno portato al venir meno della certezza della pena per colpevoli sicuri colpevoli e alla nascita in rete e in televisione di innumerevoli discussioni tra  innocentisti e colpevolisti, trasformando in una sorta di cult le terribili vicende.

Lotta al processo indiziario e verdetti innovativi che non vadano a favore unicamente dei forti, sono solo due dei rimedi proposti dagli autori per arrivare alla “Temi desnuda“, ovvero ad una giustizia giusta.

 

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI