Siate ribelli, praticate la gentilezza: Saverio Tommasi si racconta da padre a Civitonica

Una lettera alle proprie figlie, per raccontarsi a Caterina e Margherita, che a quattro e due anni hanno rivoluzionato la vita del loro papà tra cambi di pannolini e momenti di grande tenerezza. È il primo libro di Saverio Tommasi dal titolo Siate ribelli, praticate la gentilezza, in cui qualunque genitore può riconoscersi. Sarà presentato a Civitonica sabato 17 febbraio alle 16.30 presso il centro commerciale Piazza Marcantoni di Civita
Castellana.

Con grande spontaneità Tommasi ci regala il gesto d’amore più grande che un uomo possa fare per i propri figli: raccontarsi davvero, a costo di abbassare qualunque difesa. Il libro non pretende di insegnare agli altri cosa voglia dire diventare genitore ma intende solo raccontare di un’esperienza, di un vissuto.
Quella di Saverio, appunto, che dopo l’arrivo di Caterina e Margherita si è visto “costretto”, ma in maniera del tutto spontanea, naturale, a rivedere il suo ordine di importanza delle cose, a svestirsi dei panni di individuo “solo al mondo” per indossare quelli che lo hanno caricato di nuove responsabilità, nuove lotte.

Saverio Tommasi, fiorentino, è diplomato all’Accademia d’Arte Drammatica dell’Antoniano di Bologna e collabora vari registi del nuovo panorama italiano. Fondatore, nel 2004, di una compagnia teatrale che porta il suo nome, dal 2009 realizza reportage video e documentari; nel 2012 ha debuttato con lo spettacolo La mafia (non) è uno spettacolo, scritto a quattro mani con Pier Luigi Vigna. Siate ribelli, praticate gentilezza è uscito il 5 settembre 2017.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI