Scimmia digitale di Alessandro Allam a Civitonica in Corto

domeniche

Il viaggio immaginifico di un vecchio animale, l’uomo, trapiantato in un nuovo ambiente, quello digitale. La quotidiana Odissea nello spazio virtuale della multimedialità e di internet alla ricerca di qualcosa di interessante sul mondo, sulle persone, su noi stessi. È Scimmia digitale, l’interessante cortometraggio di Alessandro Allam sul mondo attuale, sulla costante connessione tra le persone e la vita che le circonda.

Il corto sarà presentato a Civitonica in Corto domenica 13 dicembre alle 17,00 presso le Ex Carcerette in via Vinciolino 7 a Civita Castellana.

Alessandro Allam porta lo spettatore a riflette sulla figura di un uomo che continua a cercare nel nuovo mondo digitale la soddisfazione dei propri bisogni in maniera nuova: sensazioni, emozioni, amicizia e amore sono frammenti raccolti qua e là nelle ricostruzioni artificiose che facciamo per noi stessi, echi di realtà manipolata, la stessa che riusciamo ad immaginare e che anche solo per questo diventa vera.

La proiezione del corto sarà preceduta alle 16 da CivitoniBook con la presentazione di Woody di Federico Baccomo. La penna di Baccomo incontra le illustrazioni di Alessandro Sanna: il risultato è Woody, una storia comica e commovente narrata dalla suggestiva voce del protagonista, un cane di razza basenji. Attraverso il punto di vista di Woody Federico Baccomo riesce a raccontare la difficile realtà della violenza sulle donne. Woody, cresciuto sempre con la sua adorata padrona, una ragazza giovane e allegra che lui ama sopra ogni cosa. Finché un giorno, aprendo gli occhi, scopre che tutto è cambiato: il mondo che conosceva, pieno di gioia, avventure e affetto, è stato sostituito dal buio e dalla sporcizia di una gabbia. Come è finito lì dentro? Perché? E, soprattutto, come può tornare dalla sua padrona? È da queste domande che comincia la storia di Woody. Modera la presentazione del libro Rita Storri Presidente dell’Associazione Incrociamolezampe Onlus.

Federico Baccomo è nato a Milano nel 1978. Ex avvocato, ha lasciato la professione per dedicarsi alla scrittura. Ha pubblicato i romanzi Studio illegale, La gente che sta bene e Peep Show. Dai primi due sono stati tratti gli omonimi film.

Alle 18 appuntamento con la rassegna curata da Emiliano Terenzi CivitoniCiak e la proiezione di Gran Budapest Hotel, commedia del 2014 diretta da Wes Anderson. Sullo sfondo dell’omicidio di una nobile dama e del furto di un dipinto di inestimabile valore, si svolgono le disavventure di Gustave H, perfetto concierge dell’hotel Grand Budapest, un lussuoso albergo situato tra le Alpi dello Stato di Zubrowka, e dell’amicizia che lo lega a Zero Moustafa, il giovane fattorino che diventerà suo protetto e amico più fidato.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI