Sanità/Tarquinia, attivata la week surgery e più posti letto

E’ operativa presso l’ospedale di Tarquinia, la week surgery.
L’attivazione di questo importante servizio, che si inserisce all’interno della riorganizzazione in corso della rete chirurgica aziendale, voluta dalla direzione generale della Asl di Viterbo, è stata resa possibile a seguito dell’aumento di 10 posti letto messi a disposizione dell’area chirurgica di Tarquinia, che passa dai precedenti 20 agli attuali 30 posti letto. Di questi 23 sono di degenza ordinaria di ortopedia e di chirurgia generale e 7 sono stati destinati alla week surgery.

“Così come è avvenuto nel mese di novembre presso l’ospedale di Belcolle – spiega il direttore generale della Asl di Viterbo, Daniela Donetti -, e come avverrà nelle prossime settimane anche all’ospedale Andosilla di Civita Castellana, l’attivazione della week risponde a una logica assistenziale e di presa in carico del paziente che consente un miglior utilizzo delle risorse e un incremento della appropriatezza dei tempi di degenza. L’aumento dei posti letto renderà, inoltre, possibile a Tarquinia la riduzione dei tempi di attesa per i principali interventi chirurgici e ortopedici quali le protesi d’anca e di ginocchio”.

La week surgery, questa è la sua peculiarità, è un reparto aperto cinque giorni a settimana, dal lunedì al venerdì. I pazienti che, a seguito di una preliminare selezione, vengono destinati a una breve degenza, si sottopongono agli interventi di cui hanno bisogno e vengono dimessi entro il lasso di tempo di 5 giorni. Questo comporta per loro un anticipo del recupero funzionale post chirurgico, la riduzione del periodo di allontanamento dall’ambiente familiare e, tramite una precoce mobilizzazione, un ritorno alla vita abituale e alla ripresa dell’attività lavorativa.

“Sono numerosi i benefici legati alla presenza della week surgery presso la nostra struttura – commenta il direttore dell’unità di Chirurgia generale e mininvasiva e week surgery dell’ospedale di Tarquinia, Antonio Pellicciotti –. Primo tra tutti la certezza di poter assicurare i posti letto per pazienti ordinari o per quelli ricoverati in urgenza e in emergenza, senza dover rimandare gli interventi programmati. Questo comporta una naturale rotazione dei posti letto, uno snellimento delle liste operatorie, un maggior ordine nella programmazione delle nostre attività e una migliore metodologia di lavoro”.

“Il progetto week surgery a Tarquinia – conclude Daniela Donetti – è stato realizzato con la condivisione della direzione sanitaria di presidio, del dipartimento delle professioni e di tutto il personale ospedaliero che, anche in questa occasione, si è dimostrato disponibile e pronto a raccogliere in maniera costruttiva gli stimoli al cambiamento al fine di migliorare la qualità delle prestazioni erogate all’utenza”.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI