Ronciglione:“Ospedale S.Anna via microscopio operatorio e ambulatorio”

Riceviamo per conto del consigliere comunale di Ronciglione Fabio Troncarelli quanto segue:
“Dal 21 dicembre scorso presso l’ospedale di Ronciglione ha cessato la sua attività il microscopio operatorio per gli occhi, voluto dall’ACAAR (Casa Albergo Anziani Ronciglione) – denuncia il consigliere comunale Fabio Troncarelli.
Ricordo che questo strumento, insieme alla macchina per le prove sotto sforzo destinata all’ambulatorio cardiologico, entrambi acquistati dall’ACAAR e dai cittadini ronciglionesi (donati in comodato d’uso gratuito, quindi per fortuna di nostra proprietà) sono costati rispettivamente 48000 euro e 27000 euro ed hanno dato e continuano a fornire servizio al territorio, contribuendo a tenere aperto e vivo l’ospedale Sant’Anna.
In seguito alla cessazione dell’attività – prosegue Troncarelli – l’ambulatorio in cui si operava con il microscopio è stato CHIUSO poiché NON MANDANO PIU’ MEDICI.
Si tratta dell’ennesima bocciatura per una struttura come l’Ospedale S.Anna di Ronciglione rinnovato e assolutamente pulito e che sarebbe pronto a ricevere sia un reparto di ortopedia o di medicina sia gli ambulatori ASL VT-4, attualmente in locali fatiscenti e oltretutto in affitto, alleggerendo pertanto il sovraccarico di Belcolle.
Ricordo inoltre che il S.Anna era il terzo ospedale della Provincia per efficienza e per la comodità della sua posizione geografica. Il microscopio ci è stato richiesto da Belcolle. L’associazione sarà costretta a vendere l’apparecchio in questione ed impiegare i soldi ovviamente in altri importanti progetti, come ha sempre fatto. Nonostante ciò – conclude il consigliere Troncarelli – personalmente non posso che essere rammaricato e dispiaciuto di fronte al “nulla” di ciò che era stato promesso per la struttura ospedaliera ronciglionese.”

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI