Rofalco e il progetto di ricerca.Un incontro di Studi Internazionale

Un incontro Internazionale di Studi a Bolsena, il 21 e 22 ottobre prossimi al Teatro di San Francesco. Il progetto di ricerca Rofalco – Etruschi nel Lamone, 1196-2016, in occasione della ricorrenza dei vent’anni della sua attività di studio e valorizzazione all’interno dell’abitato etrusco di Rofalco (Farnese), organizza un Incontro di Studi dedicato al cruciale momento di transizione (IV-III secolo a.C.), segnato principalmente dalla progressiva espansione di Roma, in cui si svolge la breve vita dell’insediamento fortificato. Lo scavo nell’abitato di Rofalco è iniziato nel 1996 su iniziativa del Gruppo Archeologico Romano, con il supporto e la costante supervisione della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale e con la collaborazione dell’Ente Riserva Naturale Regionale Selva del Lamone, del Comune di Farnese e del Museo Civico “F. Rittatore Vonwiller”. Negli anni, l’attività è stata portata avanti grazie al contributo ed alla passione di moltissimi archeologi e volontari, sia italiani che stranieri. Questa occasione, dunque, vuole essere un momento di scambio delle conoscenze e di riflessione sugli aspetti problematici del territorio e del momento storico interessato, visti attraverso tre ambiti tematici di particolare importanza: il ruolo dei santuari, gli insediamenti fortificati e la difesa del territorio, il rapporto fra capoluoghi, centri subalterni e confini. Una sezione espressamente dedicata a Vulci ed al suo territorio, insieme ad una sessione poster, offriranno un inquadramento topografico ed un utile aggiornamento sui più recenti risultati della ricerca archeologica.


Comitato Scientifico
: dott.ssa Alfonsina Russo, prof. Paul Fontaine, dott. Vincent Jolivet, dott. Pietro Tamburini, prof. Mario Torelli Organizzazione: dott. Orlando Cerasuolo, dott. Luca Pulcinelli Contatti: etruschi.lamone@gmail.com Orlando Cerasuolo Tel.339.1932699

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI