Riforma del Sistema Regionale dei Consorzi di Bonifica

La difficile e perdurante congiuntura economica e la persistente condizione di crisi finanziaria che mettono a dura prova il sistema produttivo e istituzionale della nostra Regione ci impongono, per senso di responsabilità e coerenza rispetto al momento storico, la condivisione di politiche, evidentemente indifferibili, finalizzate al contenimento della spesa in capo agli enti in seno ai quali siedono, con incarichi diversi, i rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole. Rilevata la piena concordanza della premessa, maturata a seguito di un lungo e complesso momento di riflessione e confronto nell’ambito delle varie forze di rappresentanza del mondo agricolo, esprimiamo condivisione rispetto all’attuale progetto di riforma del sistema dei Consorzi di Bonifica proposto dalla Regione Lazio e, in particolare, dall’assessore regionale Fabio Refrigeri, esplicitando la nostra adesione al piano di riorganizzazione che comporterà la riduzione del loro numero dagli attuali 10 a 3. Valutiamo con soddisfazione che il disegno di riforma, inevitabile nell’ottica di una ormai improrogabile razionalizzazione delle centrali di spesa pubblica, contempla altresì tutte quelle previsioni normative comunque essenziali al mantenimento di una efficiente rete di servizi e prestazioni in favore dei consorziati e delle popolazioni del Lazio. Facciamo, dunque, nostra l’iniziativa di proposta di riforma regionale, rimettendoci al percorso istituzionale che essa dovrà affrontare in tempi che, ci auguriamo, possano essere brevi.

Il Presidente della Cia del Lazio Ettore Togneri
Il Presidente della Coldiretti del Lazio David Granieri
Il Presidente della Confagricoltura del Lazio Sergio Ricotta

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI