CSC:“Rapporto tra cibo e psiche: siamo davvero ciò che mangiamo?

Due seminari gratuitiaperti al pubblicoi,il 4 e l’11 marzo 2016 al organizzati dal CSC Centro per gli Studi Criminologici e dal S.A.I… noi ci siamo Onlus, presso la sede del CSC in Piazza San Francesco 2 a Viterbo (Pal.Grandori).

Si parte Venerdì 4 Marzo alle ore 17,30 insieme a Davide Tosini, dottore in dietistica, specializzato in scienze della nutrizione umana, ed a Eleonora Di Marco, psicologa consulente del S.A.I… noi ci siamo onlus, parleremo del “RAPPORTO TRA CIBO E PSICHE: SIAMO DAVVERO CIÒ CHE MANGIAMO?“
Il cibo risulta indissolubilmente connesso con l’emozione e molto spesso si influenzano vicendevolmente, rendendo complicato il discernimento tra sensazione corporea e vissuto emotivo. Succede allora di perdere il controllo e allontanarsi sempre di più da una gestione serena del comportamento alimentare. Perché molte diete dimagranti falliscono e perché, anche laddove si raggiunge il peso desiderato, poi lo si riacquisisce con gli interessi?
L’organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha da tempo individuato come il problema del sovrappeso e dell’obesità sia, nella maggior parte dei casi, di tipo psicologico. Non si tratta solo di conoscere i principi nutritivi degli alimenti, di sapere che l’esercizio fisico è importante, si tratta di esplorare, per conoscere, i nostri comportamenti legati all’atto di mangiare.

Il secondo appuntamento l’11 Marzo, sempre alle 17:30, a due voci: Dona Amati, scrittrice e poetessa, presidente di Fusibilia Ass. Cult. e responsabile del marchio editoriale FusibiliaLibri, ed Eleonora di Marco che affronteranno il tema“Quando le parole raccontano di noi,incontro sul potere della scrittura autobiografica”
La scrittura autobiografica è “una stanza tutta per noi” dove dare forma ai pensieri,un luogo privilegiato dove coniugare il desiderio di dire con quello di comprendere meglio, mettendo nero su bianco, ciò che si ha dentro, la propria storia, la propria vita.
Scrivere un’autobiografia è un percorso formativo che educa all’interiorità. Riprendere i fili del proprio vissuto significa tessere una nuova storia che spesso chiarifica e riconcilia con il passato, restituisce un senso ad avvenimenti esistenziali che spesso sono stati opacizzati dal susseguirsi tumultuoso della vita quotidiana.
Per informazioni e prenotazioni: Centro per gli Studi Criminologici, Giuridici e Sociologici – Piazza S. Francesco 2, Viterbo – dal lunedì al venerdì ore 15:00 – 19:00 –Tel: 0761 1711448 – e mail:segreteria_csc@criminologi.com

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI