Un compleanno particolare: Alfio Pannega all’ex Mattatoio

Un compleanno senza il festeggiato, incarnato dal poeta attore Pietro Benedetti in una maniera così reale da essere percepito da ogni spettatore mercoledì 20 settembre all’ex Mattatoio come il vero Alfio. Sarà perché l’atmosfera magica veniva da quell’ambiente in cui si è svolta la rappresentazione, lì dove era la sua casa a Valle Faul, oggi l’ex Mattatoio. Una serata ideata dalla Banda del Racconto che portando in giro attivamente negli ultimi mesi l’opera e il personaggio di Alfio Pannega ne salvaguarda la memoria e ne trasferisce il messaggio di una cultura che è in ognuno di noi, di cui spesso siamo inconsapevoli. Sì Alfio della sua cultura inizialmente era ignaro, sapeva di essere solo un grande curioso, appassionandosi di tutte quelle vecchie robe, libri antichi talvolta anche preziosi, che riportava nel suo carrettino, andando a svuotare magazzini cantine, bassifondi chiamato dai proprietari che se ne volevano disfare.La cultura la scopre quando aprendo quei libri se li legge tutti e si appassiona alla storia, e inizia ad incentivare quella curiosità del sapere che lo ha reso persona leggera accompagnandolo e riempendo una vita di per se piena di stenti.Alla fine dei suoi giorni Alfio vede il suo riscatto nella realizzazione di un sogno, la pubblicazione di quel libro titolato “Allora ero giovane anch’io, in cui vi scorrono le sue odi poetiche, e gli aneddoti di una vita faticosa affrontata sempre nel garbo e nella gentilezza con grande dignità . Alfio Pannega l’ultimo dei vissuti di una volta, che amava la vita e i giovani, quest’ultimi lo hanno pure molto amato, con loro ha condiviso quel concetto universale di fraternità e solidarietà di cui soprattutto oggi si dovrebbe abbeverare il mondo.Grazie alla Banda del Racconto da parte di Alfio Pannega e dei suoi estimatori per aver reso un compleanno nel piacere del ricordo trasmettendo quel messaggio di amore fraterno unito a quello per la propria città che non dovrà mai interrompersi.
ALLORA ERO GIOVANE PURE IO
Uno spettacolo sulla travagliata e poetica vita di Alfio Pannega.
Ispirato al libro “Allora ero giovane pure io”, a cura di Antonello Ricci e Alfonso Prota.
Consulenza artistica, Michela Benedetti – Collaborazione, Davide Ghaleb Editore

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI