Quartieri dell’Arte nuovi progetti

Introdotta dall’Assessore alla cultura Delli Iaconi, si è svolta questa mattina presso la sala consiliare di Palazzo dei Priori la conferenza stampa con cui il direttore artistico di Quartieri dell’Arte Gian Maria Cervo ha annunciato i nuovi progetti internazionali del festival, realizzati con il sostegno dell’UE nell’ambito del programma “Creative Europe”.
Auspicando che l’afflato internazionale che tale riconoscimento conferisce alla nostra realtà permetta un’intensificazione dei rapporti tra le istituzioni del territorio e il Festival si sono cercate di delineare le caratteristiche principali del nuovo progetto messo in cantiere da Quartieri dell’Arte grazie ai fondi ricevuti dal programma Europa Creativa, programma dell’Unione Europea dedicato al settore creativo e culturale finalizzato a promuovere e salvaguardare la diversità linguistica e culturale europea.
Al centro del progetto di QdA la scrittura collettiva e polivocale nell’ottica della diversificazione e della sinergia tra i partner iniziativa che nello specifico saranno La Fura dels Baus di Barcellona, l’associazione La Gramigna di Perugia, La Collage Arts Chocolate Factory di Londra, La Fondazione per la Promozione dell’Inclusione Sociale di Malta, il Kraljevsko Pozoriste Zetski Dom in Montenegro e il Khio di Oslo. La realizzazione del progetto avverrà all’insegna dell’integrazione delle prospettive nazionali e delle arti nell’ottica del superamento di quell’ “effetto collage” dato da lavori nati dall’unione di patch diversi.
In un momento decisamente positivo per il Festival Quartieri dell’Arte -che vede produzioni e co-produzioni a livello europeo, che ha visto nella scorsa edizione un incremento del pubblico pagante del 50%i e che ha risonanza su quotidiani come il “Der Spiegel”o il “The Guardian”, per citarne un paio – arriva dunque dall’Unione Europea l’ occasione per dare spazio a un progetto articolato che sia anche dialogo con il territorio e con le sue forze più attive.
Ora che l’Europa ha certificato il carattere internazionale di QdA è il momento di “mettere sotto sforzo il territorio” – afferma Cervo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI