Quartieri dell’Arte fa splendere Vitorchiano

L’Associazione Ianus lascia parlare i numeri sulla collaborazione di questa edizione con il festival internazionale di teatro contemporaneo Quartieri dell’Arte, diretto da Gian Maria Cervo e giunto alla ventunesima edizione, in cui Vitorchiano si è raffigurata insieme a Viterbo come una delle due sedi principali, utilizzando cmen location degli spettacoli il complesso di Sant’Agnese, recuperato grazie al Comune e sede pure della cena happening evento di chiusura del Festival Quartieri dell’Arte 2017, “Michelangelo Entangled”.

Quartieri dell’Arte a Vitorchiano ha generato un indotto economico, un arricchimento culturale e una visibilità unica al nostro paese. La 21esima edizione del Festival Internazionale di drammaturgia contemporanea fondato e diretto da Gian Maria Cervo, ha scelto per l’ennesima volta il borgo di Vitorchiano per una gran parte delle proprie attività e l’associazione IANUS come intermediario per lavorare al meglio a contatto con la realtà comunale e per interfacciarsi più proficuamente con la cittadinanza.

Per Vitorchiano avere un Festival rinomato a livello nazionale ed internazionale per circa due mesi è molto importante e non a caso il Comune di Vitorchiano ha scelto di patrocinare questa iniziativa aprendo le porte alla creazione di Cervo. Il Festival porta una grande visibilità al nostro paese grazie ad una serie di uscite sulla stampa nazionale, che non è mai facile raggiungere solo con le proprie forze, e che invece hanno lanciato il nome e l’immagine di Vitorchiano oltre i confini della Tuscia. L’incontro con autori ed artisti di indiscussa fama e collaborazione con i principali enti a carattere nazionale e internazionale come l’Accademia nazionale di San Luca il Teatro reale di Zetski Dom hanno poi contribuito a dare prestigio al nostro territorio.

Quartieri dell’Arte 
attiva un arricchimento culturale importante contribuendo all’arricchimento culturale dei nostri concittadini messi a confronto e a contatto con realtà molto distanti. Ma l’arricchimento, va oltre . Non ci sono solamente i cliché sfidati dal Festival, i temi trattati, le certezze messe in discussione e le riflessioni generate dalle produzioni teatrali realizzate a Vitorchiano a portare un giovamento ai vitorchianesi. C’è anche un fattore economico, che non è da sottovalutare.

Solo per citare alcuni numeri, Vitorchiano nel 2017 ha ospitato per Quartieri dell’Arte 10 spettacoli ai quali hanno assistito circa 800 persone. Sono stati consumati circa 1000 pasti, tra pranzi e cene e sono stati fatti circa 500 pernottamenti nel borgo. Una quantità di persone che hanno vissuto il nostro paese consumando e spendendo nei negozi e nei locali del paese. L’indotto generato dal Festival al quale IANUS ha collaborato con passione e con orgoglio, è quindi di estrema importanza ee è fiera di averne fatto parte.
Motivo per cui l’associazione ringrazia il sindaco di Vitorchiano Ruggero Grassotti e l’Amministrazione comunale per l’opportunità che ha saputo cogliere e offrire al nostro paese”.

Numeri quelli resi evidenti che “Sottolineano il ruolo sempre più incisivo di Vitorchiano che con il suo palcoscenico naturale ben s’inquadra in un festival importante come Quartieri dell’Arte e nel panorama culturale della Tuscia.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI