Qualcosa di vero: Barbara Fiorio e il suo ultimo romanzo a Orte

fiorio

È cominciato il tour di “Qualcosa di vero” della scrittrice Barbara Fiorio. Dopo gli appuntamenti di Bologna, Milano, Treviso e Roma, giovedì 7 maggio alle 18 l’autrice presenterà il suo nuovo romanzo edito da Feltrinelli ad Orte, presso la Libreria Il Gorilla e l’Alligatore in via Matteotti 41.

Le fiabe occupino un ruolo importante nella storia. Ma “Qualcosa di vero” non è un libro di favole, né un libro per bambini, ma un romanzo in cui si toccano molti argomenti. Al centro della storia ci Giulia e Rebecca, una donna di 40 anni e una bambina di 9, che intrecciano un rapporto particolare. Giulia è una pubblicitaria scombinata. Rebecca è una bambina che non si accontenta delle solite storie. Inizia tutto sul pianerottolo di casa, la notte in cui Giulia inciampa in Rebecca, la figlia della nuova vicina. Tra i fumi dell’alcol, Giulia decide di dare ospitalità alla piccola. E ogni volta che la bimba resta misteriosamente a casa senza la madre, rimanere invischiata in sessioni di fiabe da raccontarle: da Cenerentola a Pollicino, da Raperonzolo alla Sirenetta, purché siano versioni originali. Quelle di Perrault, dei Grimm e di Andersen, dove i ranocchi si trasformano in principi solo se li lanci contro un muro, e dove non sono certo i baci a risvegliare le più belle del reame. E non solo perché nella realtà i principi azzurri che ti salvano su un cavallo bianco non esistono, ma anche perché in ogni storia si nasconde un cattivo. E per sconfiggerlo le parole non bastano. Un’amicizia che nasce da un inciampo e da una mamma che scompare di notte. Un’amicizia che si trasforma in qualcosa di vero.

Il libro affronta questi due mondi molto diversi, separati da differenze generazionali ma accomunati da problematiche da affrontare. Il linguaggio delle fiabe crea appunto un legame tra questi mondi, rendendo possibile la comunicazione e la possibilità di imparare molto in entrambe le direzioni.

Barbara Fiorio è una scrittrice italiana, scrive romanzi, è docente di comunicazione e tiene laboratori di scrittura creativa e di scrittura ironica. Il suo primo libro, C’era una svolta, un saggio ironico sulle fiabe classiche, viene pubblicato nel 2009. I suoi libri successivi sono Chanel non fa scarpette di cristalloBuona Fortuna e Qualcosa di vero. Dal 2014 organizza e gestisce il Gruppo di Supporto Scrittori Pigri, un laboratorio online di scrittura, spin-off del Gruppo di Supporto Fotografi Pigri organizzato dalla fotografa e illustratrice Sara Lando.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI