Pugnaloni 2016. 850 anni dalla liberazione dal Barbarossa

Acquapendente si prepara alla festa dei Pugnaloni, programmata per domenica 15 maggio. Il primo atto si è avviato nella giornata di domenica scorsa iniziata con il corteo dei gruppi dei Pugnaloni partito da piazzale Santa Maria (Chiesa di San Francesco), per arrivare poi alla chiesa di Santa Vittoria dove il parroco di Acquapendente Don Enrico Castauro davanti alla statua della Madonna del Fiore ha impartito la benedizione agli stendardi e ai gruppi.
Poi al Tatro Boni la presentazione dei bozzetti dei mosaici che gareggeranno per il primato durante la festa di Mezzomaggio.
Quest’anno la festa avrà un sapore specifico, si celebrano gli 850 anni dalla liberazione della cittadina da Federico Barbarossa, evento che è all’origine della festa stessa. Durante l’incontro al Boni, moderato dal giornalista Luigi Pagliaro, sono intervenuti il sindaco Alberto Bambini, il parroco don Enrico Castauro e il presidente della Pro Loco Andrea Caprasecca, il quale ha evidenziato le specificità e l’originalità dei Pugnaloni che nel corso degli anni hanno mantenuto inalterato il legame con la tradizione senza rinunciare alla costante ricerca di diverse soluzioni creative.
Nel corso della stessa presentazione dei bozzetti, si sono avvicendati sul palco i bozzettisti e i rappresentanti dei 15 gruppi che prendono parte a questa edizione e che si sfideranno per la vittoria, con la proclamazione in piazza il Pugnalone più bello.
Domenica 8 maggio una giornata dedicata ai Mini Pugnaloni: fin dalla mattina in Piazza G. Fabrizio e in quelle adiacenti, sarà possibile ammirare i Mini Pugnaloni realizzati dai bambini delle scuole, che fin da piccoli imparano ad amare questa festa, le sue tradizioni e la sua arte. Il programma della giornata, curato dall’Associazione Pro Loco e dai Gruppi dei Pugnaloni, prevede anche la realizzazione di infiorate nel centro storico a cura dei giovani della frazione di Torre Alfina e dei paesi limitrofi; ad allietare i visitatori ci sarà anche l’allestimento di mercatini dell’artigianato, di prodotti tipici e di mostre fotografiche.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI