Primo laureato in Ingegneria premiato dall’ANESV

cinecittaworld

La tesi del primo ingegnere dell’Università degli Studi della Tuscia, Paolo dello Vicario, ha vinto il “Premio di studio per tesi di laurea su spettacolo viaggiante e parchi divertimento” bandito dall’ANESV, l’associazione nazionale dell’imprenditoria di settore.

Un riconoscimento prestigioso per il neo ingegnere “made in Tuscia”, che con la tesi “Gestione ottimale dei consumi energetici: Il caso di studio di Cinecittà World” si è guadagnato il favore di una commissione composta da esperti del settore quali Roberto Canovi (consulente, direttore della testata Parksmania.it) Gianni Chiari (professionista, esperto di normazione tecnica di settore) e Maurizio Crisanti (segretario nazionale dell’ANESV). Nella sua tesi, Dello Vicario tratta il tema dell’audit energetico degli impianti industriali, e in particolare dei consumi elettrici di Cinecittà World, il parco divertimenti di Roma.  “È una tesi su cui mi è piaciuto molto lavorare – ha dichiarato Dello Vicario a proposito del suo lavoro – perché concilia gli aspetti tecnici, gli aspetti analitici e quelli gestionali dell’ingegneria. Sono stato a fare un tirocinio al parco Cinecittà World e mi sono occupato di andare a caratterizzare tutto l’impianto, al fine di capire da dove venissero i consumi. Ho cercato quindi di chiarire, con un modello molto semplice, il comportamento dei consumi annuali sia di energia elettrica che di gas metano, rispetto a due tre fattori in grado di influenzarli. In questo caso le ore di apertura e la differenza di temperatura tra l’interno delle strutture e l’esterno. Ne è venuto un lavoro che mi ha fatto imparare tanto e mi ha permesso di conciliare aspetti spesso totalmente diversi. Aspetti che un ingegnere tocca tutti i giorni nel mondo del lavoro”.

Una ricerca premiata non solo dall’ANESV, ma anche dalla commissione di laurea del corso di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi della Tuscia, che ha conferito a Dello Vicario il titolo di dottore in ingegneria con 108 su 110, un voto altissimo per una triennale.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI