Presepio statico del Ce.I.S permanente appartenuto alla ex Carivit

A richiesta è visibile non solo sino all’Epifania ma, essendo permanente, in un qualsiasi periodo dell’anno.
E’ il presepio artistico tutto viterbese realizzato da Alessandro Cannaò per la Carivit negli anni ’80, recuperato nella fusione a Banca Intesa e consegnato al Ce.I.S. Un’opera imponente collocata in una stanza riservata al piano elevato del Comunità a La Quercia. Forse in molti lo ricorderanno nella sua perfezione artistica nell’atrio della Carivit in via Mazzini esposto ogni anno a Natale .
E’ bello poterlo ritrovare in un luogo in cui il senso della Natività si unisce alla espressività della solidarietà.
Con la consegna al Ceis di quella che può essere considerata a tutti gli effetti un’opera d’arte si è salvaguardata e valorizzata un’opera di rilevante significato storico artistico e culturale della realtà locale che può a richiesta essere visitata tutto l’anno. “Credo che fare un presepe sia creare un’opera d’arte capace di raccontare la storia, il paesaggio, la cultura di una comunità; capace di fondere fede, tradizione e trasmettere così emozioni”, affermazione dell’ideatore del presepe Alessandro Cannaò.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI