Presepe vivente di Tarquinia: un decennale che sorprenderà i visitatori

Avanzano a pieno ritmo i preparativi per la decima edizione del “Presepe vivente – Città di Tarquinia”. Dopo la fase di reclutamento dei figuranti, entra ormai nel vivo la fase più delicata, riguardante la costruzione delle innumerevoli scenografie che trasformeranno il centro storico nell’antica Betlemme.
Gli organizzatori hanno deciso nella ricorrenza del decennale di stravolgere la tradizione del presepe vivente, lasciando le bellissime vie di piazza San Martino per trasferirsi in un luogo quasi sconosciuto anche agli stessi tarquiniesi, vale a dire il convento dei frati francescani. Molti sono gli interventi che già stabiliti per mettere in piedi una scenografia all’altezza dell’evento con un palazzo da Erode completamente da costruire e altre strutture che si eleveranno dal nulla.
Entrando più nel dettaglio del percorso, l’entrata dell’antica città di Betlemme è collocata quest’anno lungo l’alberata Dante Alighieri, per poi proseguire in via dei Magazzini ed entrare nel vasto giardino del convento francescano dove saranno ospitate altre importanti novità dell’edizione 2016.
Oltre al percorso, l’organizzazione ha puntato quest’anno anche su spettacoli inediti all’interno della rappresentazione, con una piazza del mercato resa ancor più reale e suggestiva, e nuovi personaggi che non passeranno sicuramente inosservati, mentre non potranno mancare le degustazioni di prodotti locali ed altri alimenti già in uso nell’anno zero.
La manifestazione è organizzata dall’associazione Presepe vivente città di Tarquinia, in collaborazione con la proloco di Tarquinia, il comune di Tarquinia, la Pro Tarquinia, il comitato di quartiere san Martino, l’associazione anziani con l’hobby del modellismo, la diocesi di Civitavecchia – Tarquinia, ed è patrocinata dalla regione Lazio e dalla provincia di Viterbo.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI