Presepe vivente a Corchiano e Sutri. Musiche di Piovani

presepe

PRESEPE DI CORCHIANO 25 dicembre – 6 gennaio

Non è una semplice rappresentazione, ma un vero e proprio spettacolo teatrale all’aperto nel bel mezzo del MONUMENTO NATURALE DELLE FORRE. Lo spettacolo è focalizzato sul tema della Sacra Natività, impreziosito dalla colonna sonora di Nicola Piovani e dalla voce narrante di Gigi Proietti. E’ il Presepe Vivente di Corchiano, l’antico paese in provincia di Viterbo nel quale fervono i preparativi per un’edizione, la 46esima, che si annuncia ricca di novità: la location sarà infatti totalmente rivisitata e la scenografia si arricchirà di nuovi e sorprendenti scorci, mestieri ed effetti speciali.

PRESEPE DI SUTRI 26 dicembre – 6 gennaio

Per 6 giorni la Palestina di 2000 anni fa rivivrà nel Parco Archeologico di un’antichissima Necropoli etrusco-romana: è la magia del Presepe Vivente di Sutri, gioiello della Tuscia Viterbese che ogni anno ripropone una delle più suggestive rivisitazioni della Sacra Natività, unico in Italia per la sua particolare ambientazione. Il 26 e 27 dicembre, e ancora l’1, 2, 3 e 6 gennaio, le antiche tombe rupestri che sorgono proprio davanti alla via Cassia, sapientemente illuminate con fiaccole romane, saranno il teatro naturale nel quale saranno allestiti i quadri di vita quotidiana della Palestina di allora.

E per chi vuole fare due passi fuori provincia

PRESEPE DI GRECCIO 24 dicembre – 6 gennaio

in provincia di Rieti, dove per sette sere (il 24 dicembre alle ore 22.30 e tutti gli altri giorni alle 17.30) le tribune con oltre 2000 posti a sedere e le tensostrutture riscaldate accoglieranno i visitatori provenienti da ogni parte d’Italia, che potranno ammirare la sceneggiatura curata in ogni minimo dettaglio, le musiche e lo spettacolare impianto di luci; a fare il resto sarà la consueta bellezza del luogo – un anfiteatro che sorge nel piazzale antistante il Santuario di Greccio – la natura incontaminata, la fedeltà delle scene e dei costumi, la bravura e la devozione degli interpreti. Ancora oggi la celebrazione si snoda attraverso sei quadri viventi, dalla vita dei francescani in queste zone all’accoglienza da parte di papa Onorio III della Regola scritta da Francesco, dall’autorizzazione concessa dal Santo Padre per la realizzazione del presepe fino al giorno in cui Greccio si trasformò in Betlemme.

https://www.facebook.com/fuoriportaweb/

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI