Premio Mariano Romiti junior: 150 racconti in gara mossi dalla legalità

Un nuovo progetto dell’Associazione Mariano Romiti presentato nella sede della Fondazione Carivit il 2 marzo , ideato per coinvolgere i giovani sul tema della legalità e spiegato dal presidente Alessandro Maurizi.
Il noir entra a scuola con l’Associazione Mariano Romiti formata da poliziotti della Questura di Viterbo, che si prodigano per la messa a punto e riuscita del nuovo evento culturale, che coinvolge i giovani .
Saranno ben 150 i racconti che gareggeranno e di questi 15 arriveranno alla finale, ha come oggetto un racconto in lingua italiana del genere giallo, noir, spy-story, thriller, poliziesco il cui protagonista è un poliziotto investigatore sia egli uomo o donna, il migliore sarà premiato il prossimo luglio ma tutti gli elaborati saranno pubblicati in un’antologia dall’Editrice Serena rappresentata da Raffaele D’Orazi.Guiderà il progetto Pietro Corinti che nell’occasione ringrazia la Polizia di Stato che con la propria formazione è stata in grado di mettere in piedi l’iniziativa e rappresentarla nelle scuole sino al prossimo 31 marzo
Un parterre affollato a Palazzo Brugiotti in Via Cavour a Viterbo che ha visto gli Interventi di: Alessandro Maurizi, presidente dell’Associazione Romiti; di Mario Brutti, presidente della Fondazione Carivit; Lorenzo Suraci, questore di Viterbo; Pietro Corinti, organizzatore del premio; Giulia Noviello, coordinatrice VII Unità Operativa, Area di supporto alle Istituzioni scolastiche, del Provveditorato; Antonio Delli Iaconi, assessore alla Cultura del Comune di Viterbo; Raffaele D’Orazi, dell’Editrice Serena di Vitorchiano.

COMMENTA SU FACEBOOK
CONDIVIDI